Milingo: «Si può essere fedeli al Vangelo anche con una donna. Io e Maria viviamo in santità»

sabato 27 Novembre 16:42 - di Mia Fenice
Milingo

L’ex arcivescovo scomunicato dopo le nozze con Maria Sung interviene dopo la bufera su arcivescovo Parigi. «Si può essere sacerdoti fedeli alla Chiesa e al Vangelo anche insieme ad una donna». Ne è convinto fermamente Emmanuel Milingo, l’ex arcivescovo di Lusaka scomunicato dopo essersi unito in matrimonio con rito Moon con l’agopunturista coreana Maria Sung con la quale a maggio scorso ha festeggiato le nozze di porcellana. Contattato dall’Adnkronos in Corea dopo la bufera che si è abbattuta sull’arcivescovo di Parigi Aupetit accusato, da una inchiesta giornalistica, di avere avuto una love story con una donna e che lo ha costretto alle dimissioni, l’ex arcivescovo esorcista coglie l’occasione per chiedere alla Chiesa di aprire un dibattito sui preti sposati.

Milingo: «Io e Maria viviamo in santità»

Il vescovo Aupetit – per la verità – dice di non avere mai avuto una doppia vita pur ammettendo di avere «gestito male la situazione con una donna che si è fatta avanti molte volte». Ora le dimissioni del vescovo sono nelle mani del Papa che dovrà decidere. Tuttavia Milingo coglie l’occasione per lanciare il suo appello alla Chiesa, che è quello di altri preti, affinché venga affrontata la questione dei preti sposati che vivono ai margini. «Io e Maria – dice – viviamo in santità, il nostro non è un rapporto vissuto carnalmente. Io appartengo prima di tutto a Dio. Il passo che ho fatto, è stato fatto in sincerità e non sento di venire meno alla fedeltà alla Chiesa. Sono un uomo di Dio».

Nozze di porcellana per monsignor Milingo

Lo scorso mese di giugno Emmanuel Milingo e Maria Sung hanno festeggiato le nozze di porcellana. L’ex arcivescovo di Lusaka e l’agopunturista coreana si sposarono esattamente vent’anni fa in un albergo di New York, con rito Moon. «Dopo vent’anni siamo ancora felicemente insieme – aveva detto da Seoul Milingo in una intervista all’Adnkronos –. Siamo molto contenti di avere raggiunto questo traguardo». Nessun rimpianto per la coppia che vent’anni fa scosse il Vaticano. E che in tutti i modi tentò di riportare in seno alla Chiesa. «C’è tanto affetto e amore tra me e Maria», aveva raccontato Milingo. «Siamo felici», aveva rimarcato la Sung.

Il caso dell’arcivescovo francese

«Chi mi conosce e condivide la mia quotidianità potrebbe sicuramente assicurare che non ho avuto una doppia vita come suggerito dall’articolo. Lo ammetto che ho gestito male la situazione con una persona che si è fatta avanti molte volte». Lo ha sottolineato l’arcivescovo di Parigi mons. Michel Aupetit, in una dichiarazione rilasciata a Radio Notre-Dame, la radio della diocesi di Parigi. Un’inchiesta giornalistica di Le Point gli ha attribuito una love story con una donna che risalirebbe al 2012.

«In ogni caso – osserva l’arcivescovo – ho affidato questo errore alla mia guida spirituale l’autorità ecclesiastica è stata informata oggi come ogni giorno. Ripongo la mia vita nelle mani del Signore come ho fatto il giorno della mia ordinazione».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *