Meloni: «L’aumento delle bollette è una mazzata per imprese e famiglie. Draghi non può ignorarlo»

venerdì 5 Novembre 20:33 - di Aldo Garcon
Meloni
Giorgia Meloni attacca il governo sui rincari delle bollette. La stangata sull’energia fa tremare le famiglie. Le imprese sono in crisi e i numeri sono allarmanti. In alcune aziende, come riporta in un’inchiesta Libero, le bollette sono aumentate da 0,4 a 1,6 milioni di euro. Per molti è meglio chiudere. Una situazione drammatica che fa scendere in campo la leader di Fratelli d’Italia. Meloni, infatti, in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook scrive: «Il governo Draghi non può ignorare un’emergenza nell’emergenza e Fratelli d’Italia è pronta a portare questo tema in Parlamento, a partire dalla manovra economica».

Meloni: «Una mazzata per le imprese»

E poi ancora: «L’aumento esponenziale della bolletta energetica, dei costi delle materie prime e della logistica si sta trasformando in una vera e propria mazzata per le imprese e per tanti comparti della nostra economia: è sempre più costoso e anti-economico produrre. Una situazione che sta creando aumenti a cascata su cittadini, famiglie e aziende, già in ginocchio per la pandemia».

La reazione del web: «Vogliono dissanguare l’Italia»

Parole che vengono subito commentate dal web. Scrive un utente: «Ma nessuno ci vede un disegno ben definito? Il primo ministro che parla di grande ripresa e intanto non fa niente per bloccare questo stillicidio in modo che le imprese accondiscendenti ai superiori voleri di Bruxelles delocalizzano. Così gli imprenditori collaborazionisti guadagnano sempre più ma il lavoro per gli italiani scarseggia sempre più. Vogliono fare dell’Italia un Paese dissanguato, privo di forza produttiva e d’imprenditori liberi che vogliono e sanno fare impresa. Ditemi se non è questo il loro disegno». E un’altra osserva con amarezza: «È il governo che lo vuole, non gli importa nulla del popolo. Ha creato un popolo di zombie chiuso in casa a comprare dai cinesi e mangiando americano. Ha aperto i confini per farci invadere e guarda quando il nemico ci picchia ed occupa le nostre case… Tra non molto ci prenderanno quelle poche lire che abbiamo in banca come fecero coi greci impoverendoli. Ci venderemo la casa per poter mangiare».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *