Long Covid nei bambini, in Veneto ci sono stati 46 casi. Ecco che cos’è e come si cura la Mis-C

13 Nov 2021 15:47 - di Mia Fenice
Mis-C

Arrivano le prime informazioni più dettagliate sul long Covid nei bambini. A Padova si studia e si cura la Mis-C, ovvero la Multisystem Inflammatory Syndrome in Children. La malattia, la sindrome multi infiammatoria del bambino colpisce un minore ogni mille positivi. Aveva fatto la sua prima apparizione nell’aprile 2020 in piena pandemia e subito aveva allertato la comunità scientifica. All’inizio era stata confusa con la sindrome di Kawasaki, una rara malattia vascolare pediatrica, ma con approfondite ricerche si è scoperto che si trattava di una malattia fino ad allora non conosciuta. Legata, per l’appunto, al Covid.

Long Covid nei bambini, che cos’è la Mis-C

È stata denominata Mis-C ed è un’infiammazione contemporanea di diversi organi. Si presenta con sintomi che vanno dalla febbre al dolore addominale, alla nausea e al vomito fino alla diarrea. Altri sintomi sono sfoghi cutanei, occhi arrossati, spossatezza. Fino a colpire il cuore. In genere fa la sua comparsa dopo quattro-sei settimane dal primo contagio.

La sindrome multi infiammatoria è studiata in Veneto

La sindrome multi infiammatoria in Veneto è studiata dalle Università di Padova e Verona, che monitorano i centri della rete regionale di Reumatologia Pediatrica. Come ci informa il Corriere, la cabina di regia è affidata all’Azienda ospedaliera, con il direttore dell’unità operativa Francesco Zulian. In tutto il Veneto ci sono stati 46 giovani colpiti dalla malattia. Di questi trenta sono stati ricoverati nel policlinico di Padova e otto sono finiti in terapia intensiva. Complessivamente in tutto il Veneto sono stati undici i bambini a finire in terapia intensiva.

«L’80% dei bambini ricoverati ha problemi cardiovascolari»

«L’80% dei bambini ricoverati nella nostra regione – spiega al Corriere il professor Zulian – presenta importanti problemi cardiovascolari come miocardite, aritmie, disfunzioni valvolari e aneurismi coronarici: anche dopo le dimissioni continuiamo a seguire con attenzione questi piccoli pazienti per valutare la gravità degli effetti residui, che possono proseguire per lungo tempo».

Long Covid nei bambini, la degenza in terapia intensiva è di sette giorni

Il professore poi spiega che «il picco di Mis-C segue di circa due mesi quelli delle varie ondate della pandemia, il che ci fa capire come il Covid si comporti come un cerino, accendendo in un secondo momento la multi-infiammazione che interessa poi tutto il corpo. I più colpiti sono i maschi. La degenza media per chi finisce in terapia intensiva è di sette giorni».

La malattia è molto rara

Infine il professore spiega che si tratta di una malattia che «fortunatamente è molto rara. Visto che finora in Veneto ha colpito un bambino su mille tra quelli che erano stati interessati dal coronavirus e che solo in un quarto dei casi richiede il ricovero in area critica. I farmaci per contrastare la Mis-C ci sono– conclude –  ma stiamo lavorando per trovare una terapia ancor più efficiente».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA