Gli espulsi 5Stelle si mettono in proprio: nasce “Alternativa”, ma Di Battista non c’entra

17 Nov 2021 18:54 - di Francesca De Ambra
Alternativa

L’appuntamento è per venerdì 19 novembre presso la sala Capranichetta dell’Hotel Nazionale di Roma, a due passi da Montecitorio. Lì, alle 10,30, converranno gli ex-grillini ostili a Mario Draghi e che a febbraio scorso votarono contro la nascita del suo governo, venendo per questo espulsi dal MoVimento. In 15 di loro diedero vita alla componente L’Alternativa c’è del gruppo Misto della Camera, vivacchiando all’ombra del Palazzo in attesa di tempi migliori. Che ora sembrerebbero arrivati, tanto da convincerli a mettersi in proprio con il lancio di un nuovo soggetto politico. Nelle intenzioni dei senatori Mattia Crucioli e Luisa Angrisanifrontman e frontwoman della conferenza stampa di venerdì, la neonata sigla (Alternativa) dovrebbe andare a contendere il ruolo di opposizione ai Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Non è certo l’ambizione che manca.

Venerdì conferenza stampa

L’incontro con la stampa – spiega una nota – sarà l’occasione per raccontare la genesi e l’identità del nuovo soggetto politico. E soprattutto il suo obiettivo, vale a die che “raccogliere tutte le istanze di opposizione democratica che giungono dal Paese, presentarne il nuovo logo, lo statuto, le ambizioni e le diramazioni territoriali“. Si vedrà. Al momento trapela che il logo consisterà in una ‘A‘ stilizzata di color arancione. Come si diceva, oltre ai due senatori, il nuovo soggetto conta a Montecitorio 15 deputati.

Alternativa starà all’opposizione

Nessun nome di grido (tra i più noti, Andrea Colletti, Pino Cabras, Emanuela Corda e Alvise Maniero). Ci sarà anche Raphael Raduzzi, che ha aderito ad Alternativa proprio oggi. Fino a qualche mese fa, l’annuncio della nuova sigla non avrebbe riscosso particolare attenzione. Oggi, invece, alla luce dei tormenti di Alessandro Di Battista e in vista dell’appuntamento del Quirinale anche 15 ex-5Stelle che si mettono in proprio hanno un loro perché. Tanto più ora che – informa Repubblica – altri ex come i senatori Nicola Morra e Barbara Lezzi potrebbero creare un altro gruppo utilizzando il logo dell’Italia dei Valori. Dal comico Beppe Grillo al pm Antonio Di Pietro, il viaggio è meno breve di quanto si immagini.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA