Bassetti: «In certe farmacie i tamponi si eseguono male. È un business. Subito controlli dei Nas»

lunedì 15 Novembre 20:43 - di Redazione

In certe farmacie i tamponi vengono eseguiti male. La denuncia arriva da Matteo Bassetti che su Facebook scrive che sarebbero fatti in un secondo e sempre negativi. “Potremmo avere centinaia di Green pass falsi'”. L’infettivologo racconta di essere venuto a conoscenza del problema da alcuni colleghi. “Che mi hanno riferito che ci sono sempre più persone e pazienti che parlano di mappe delle farmacie. Dove fanno tamponi non invasivi. Ovvero dove con il tampone entrano a malapena nella narice. O addirittura lo appoggiano sul naso e durano meno di un secondo. Tamponi praticamente non eseguiti e inutili. Che risultano sempre negativi“.

Bassetti: allarme tamponi, certe farmacie li fanno male

“È scandaloso – continua l’infettivologo del San Martino di Genova – potrebbero esserci migliaia e migliaia di persone con Green pass che attesta il falso. Spero che i Nas vorranno rapidamente procedere con controlli a campione. Lo dico da tempo che questo è oggi il vero business. Tamponificio Italia Spa”.

“Giù le mani dal Natale. Restrizioni solo per i non vaccinati”

Anche sulle eventuali restrizioni durante le prossime festività  natalizie Bassetti è tranchant. “Per fare previsioni  dobbiamo vedere come andranno le prossime 3-4 settimane. Ma, ribadisco, giù le mani dal Natale. Nessuno osi minimamente mettere limitazioni per le feste. Sarà un Natale come quelli pre-Covid. Ma non possiamo pensare lontanamente che non sarà un Natale sereno perché qualcuno ha deciso di non vaccinarsi. Il governo e le istituzioni devono trovare una soluzione”, incalza Bassetti. “Perché in qualche modo il Natale va tutelato. E se ci sarà un ulteriore incremento dei casi tra i non vaccinati, eventuali limitazioni, come il lockdown, dovranno essere solo per i non vaccinati”.  La posizione di Bassetti del resto è nota. Chi si ostina a non vaccinarsi non può costituire un ostacolo alla socialità di chi ha fatto il suo dovere. “Dobbiamo tutelare tutti quelli che si sono immunizzati per salvare anche il Natale. E hanno dimostrato di essere dei bravi cittadini. Chi invece non l’ha fatto è giusto che venga limitato in alcune attività. Anche durante le feste. Penso ai ristoranti, ai locali, ai cenoni, ai teatri, ai cinema“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *