Bambina ritrovata in Australia in una casa horror: il rapitore massacrato appena arrivato in carcere

giovedì 4 Novembre 10:57 - di Laura Ferrari
rapitore australia

Il rapitore che in Australia ha tenuto una bambina segregata per 18 giorni ha un identikit da maniaco seriale. È quanto emerge in queste ore su TerranceTerryKelly, 36 anni, il rapitore di Cleo Smith, una bambina di 4 anni, ritrovata solo mercoledì scorsa. Fonti di polizia hanno affermato che Terry viveva in una casa da film horror, piena di bambole.

L’uomo aveva più account Facebook con i nomi di varie bambole Bratz Dolls. Aveva anche delle fotogallery in cui era vestito come una ragazzina. Si ritiene che Terry avesse un’ossessione per il film Frozen e seguisse da anni Ellie Smith, la madre di Cleo, su Instagram. I vicini di Terry hanno segnalato alla polizia dei comportamenti sospetti, come il fatto che avesse iniziato ad acquistare pannolini per bambini anche se non aveveva figli.

Chi è il rapitore che ha sconvolto l’Australia

Secondo quanto riferito dal Daily Mail Australia, il rapitore di Cleo Smith è stato aggredito da un altro detenuto in una cella di polizia ed è stato portato in ospedale.  Terry Kelly era alla stazione di polizia di Carnarvon, nell’Australia occidentale, solo da poche ore mercoledì quando è stato aggredito da un prigioniero. La madre del detenuto ha detto al Daily Mail Australia che suo figlio era “furioso” quando ha scoperto il motivo per cui Kelly era stato arrestato. “Non appena ha saputo che questo ragazzo era stato arrestato a causa della piccola Cleo, è esploso. Lo ha massacranto di botte”, ha detto la donna.

Uno squilibrato ossessionato dalle bambole e da “Frozen”

Cleo Smith, scomparsa 18 giorni fa in un campeggio di Blowholes nell’Australia occidentale, al momento sta bene e non presenta segni di violenza. Lo ha annunciato la madre Ellie Smith su Instagram, affermando che ”la famiglia è di nuovo unita”.

Il primo ministro, Scott Morrison, ha descritto il ritrovamento di Cleo “una notizia meravigliosa e confortante”. “Il fatto che quell’incubo sia finito e che le nostre peggiori paure non siano state realizzate, è un enorme sollievo. E un momento di grande gioia”, ha detto Morrison durante una conferenza stampa a Dubai. “Il fatto che sia stata trovata viva penso che renda felice l’Australia. E’ un risultato meraviglioso”, ha detto Dawson. Il vicecommissario della polizia, Col Blanch, ha detto che la polizia ha fatto irruzione nella casa che era chiusa a chiave e ha trovato la bambina in una delle stanze.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *