Tamponi, Fesica-Confsal: “Dividere il costo a metà tra Stato e datori. I lavoratori non possono pagare”

giovedì 14 Ottobre 13:03 - di Redazione

“Un tampone rapido ogni 48 ore o uno molecolare ogni 72 ore rischia di gravare pesantemente sullo stipendio dei lavoratori. Un dipendente che lavora cinque giorni a settimana dovrà eseguire almeno tre tamponi rapidi. Per un totale di 45 euro, ovvero 180 euro al mese”. A fare i conti con preoccupazione è il segretario generale della Fesica- Confsal Bruno Mariani. Che scende in campo alla vigilia dell’obbligo di presentazione del  green pass sul luogo di lavoro. Con il vincolo, per i lavoratori non vaccinati, di effettuare tamponi periodici per svolgere la propria giornata lavorativa.

Mariani (Fesica-Confsal): dividiamo il costo dei tamponi

“Davanti ad un’oggettiva gravosa problematica, ci appelliamo alla sensibilità del governo. Affinché intervenga con un provvedimento ad hoc che disponga il pagamento degli oneri dei tamponi ai datori di lavoro. Da dividere in equa parte con lo stesso Stato italiano. Magari tramite un rimborso del 50 per cento del totale”. Una soluzione di buon senso – sottolinea il numero uno d i Fesica-Confsal in mezzo alle polemiche e alle critiche durissime al green pass di queste ore. Una soluzione ” che non intacca eccessivamente su aziende e contribuenti”, prosegue Mariani. “Per quanto ci riguarda si tratterebbe di una scelta oculata. Poiché i prezzi calmierati dei tamponi di cui si ha notizia inciderebbero comunque notevolmente sui salari di un lavoratore medio. Pertanto, anche per non gravare troppo su cittadini e datori di lavoro, pensiamo sia giusto far condividere queste spese, al cinquanta per cento, alle parti più forti: Stato ed imprenditori”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *