Regno Unito, arrestato latitante marocchino condannato per stupro. Frequentava i centri sociali

mercoledì 20 Ottobre 17:55 - di Elsa Corsini

In manette un latitante marocchino condannato per violenza sessuale. Gli uomini della Digos di  Cosenza (che hanno svolto le indagini) hanno arrestato un latitante marocchino di 34 anni nella contea di South Yorkshire nel Regno Unito. L’uomo era già condannato in via definitiva a 5 anni per violenza sessuale. Lesioni personali e maltrattamenti in famiglia. La cattura è avvenuta sulla base del mandato di arresto disposto dal Trade and Cooperation Agreement. Siglato tra Italia e Gran Bretagna post Brexit.

Regno Unito, arrestato un latitante marocchino

Le autorità inglesi hanno disposto oggi l’estradizione del marocchino. Che è stato preso in consegna a Linate dalle autorità di polizia italiane. L’uomo è stato portato alla Casa Circondariale di Pavia. Per l’espiazione della pena definitiva.  La polizia è risalita all’uomo nell’ambito di una complessa indagine sui movimenti antagonisti. E i centri sociali della zona di Cosenza.  In particolare dal movimento “Prendocasa Cosenza”. Nel giugno del 2018 la Digos ha segnalato diversi soggetti. Tra cui il c marocchino. Ritenuti responsabili di vari reati. Tra cui associazione a delinquere finalizzata all’occupazione di edifici. Violenza privata, lesioni personali, danneggiamento. Furto aggravato continuato di energia elettrica. E detenzione di armi.

In Italia viveva in uno stabile occupato dai centri sociali

Il marocchino arrestato viveva con la sua compagna e i due figli minori all’interno di uno di questi stabili abusivamente occupati. In seguito alla denuncia della compagna per violenza sessuale e maltrattamenti, nel dicembre del 2018 era stato arrestato. Dopo 11 mesi di carcere è stato posto agli arresti domiciliari presso l’abitazione della madre. Dalla quale è fuggito facendo perdere le sue tracce. Confermata la sua irreperibilità il Tribunale ne ha dichiarato lo stato di latitanza.

La fuga in Francia, Germania e Olanda

Le indagini serrate e difficili hanno permesso di ricostruire e tracciare tutti i suoi spostamenti. In Francia, Germania, Olanda fino al Regno Unito. Dove  è riuscito a farsi accogliere come profugo, dichiarando una falsa identità. E la nazionalità palestinese. Le indagini, però, hanno consentito di individuare il latitante nella contea inglese di South Yorkshire del Regno Unito. E ricostruire l’intero curriculum giudiziario del delinquente. Che ha commesso altri reati sia a Londra che in Germania mentre era latitante.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *