Quirinale, conti alla mano ecco le chance di Silvio Berlusconi. Storace: servono i voti di Renzi

venerdì 22 Ottobre 8:26 - di Francesco Severini

Quirinale, il centrodestra unito e compatto vuole giocarsi la partita forte di 454 voti su 1009. Una forza d’urto  con la quale fare i conti e che ha subito rimesso in moto lo scenario politico. L’esito dei ballottaggi è già alle spalle, ora sul tavolo di tutti i partiti c’è un altro obiettivo. Il Colle. E con il ritorno di Berlusconi in sella sono in tanti a scommettere che se ne vedranno delle belle. “Nel 1995 ha già sparigliato le carte – osserva Pietrangelo Buttafuoco – di sicuro lo farà ancora”.

Quirinale, sono 45 i parlamentari renziani

I 45 parlamentari renziani – sottolinea Il Giornale – possono essere l’ago della bilancia. Ed è noto che Matteo Renzi sta lavorando a una candidatura che “prenda voti a destra e a sinistra, assicuri la durata della legislatura e blindi Draghi al governo: uno dei principali indiziati è Pierferdinando Casini, da diverse settimane insolitamente silenzioso”.

E se invece fosse proprio Berlusconi il candidato del centrodestra? Il Cavaliere non si è sottratto: “Mi sento in forma – ha risposto a chi gli chiedeva come vedeva se stesso al Quirinale – ma non ho ancora idee al riguardo”.

Servono 505 voti, il centrodestra ne ha 454

“I conti – scrive Laura Cesaretti – sono presto fatti: gli elettori (deputati, senatori, delegati regionali) sono 1009. Dopo i primi tre scrutini che richiedono una maggioranza dei due terzi (672 voti), dal quarto si passa alla metà più uno dei voti: ne servono 505. Il centrodestra ne controlla – sulla carta – 454: gliene mancano una cinquantina. Sarebbe necessario un accordo con un pezzo di centrosinistra sul nome di Berlusconi”.

E Francesco Storace azzarda un’ipotesi: trattare con Renzi sul nome da votare per il Colle. “Bisogna – ha scritto sul sito 7Colli.it – saper fare politica e alla luce del sole. La dico come me la sento: la prossima volta invitate a casa Berlusconi anche Matteo Renzi, che tanto a sinistra odiano davvero (non sarà un caso che non si è visto alla piazza della Cgil, lo avrebbero cacciato). Anche lui deve dimostrare di puntare ad un nome che possa valere per tutti”. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *