Lo costringono a spogliarsi e lo umiliano per ore: un 21enne la vittima delle violenze nel Milanese

9 Ott 2021 11:07 - di Mia Fenice
San Donato Milanese

Una notte da incubo. Un giovane di 21 anni è stato rapito, maltrattato e umiliato: è stato picchiato e poi fatto spogliare. Quale era stata la sua  “colpa”? Il ragazzo, come ricostruisce il Giornale,  aveva avuto una discussione con una ragazza davanti a un bar. La ragazza era la sorella di uno dei balordi. Questa brutta vicenda è accaduta nella notte tra il 29 e il 30 maggio del 2020 a San Donato Milanese e ieri i responsabili dell’accaduto sono stati arrestati. I carabinieri, grazie anche ai riscontri del Ris di Parma, sono riusciti a dimostrare il coinvolgimento di un 35enne e di un 29enne che ora sono in carcere a San Vittore. Dovranno rispondere di sequestro di persona, rapina aggravata, detenzione di arma da sparo e lesioni personali.

San Donato Milanese, la ricostruzione della vicenda

Che cos’era accaduto? Quella notte, ricostruisce il quotidiano, il 21enne dopo la discussione con la ragazza si era avviato a piedi verso casa. A un certo punto il fratello della giovane e un complice lo avevano fermato. Dopo aver sparato tre colpi di pistola in aria lo avevano costretto a salire sulla loro auto. All’interno del mezzo lo avevano colpito più volte alla testa con il calcio della pistola causandogli un trauma cranico. Ma non era bastato. E dopo aver colpito con pugni e calci anche un amico del ragazzo e intimorito gli altri, lo avevano portato in una zona isolata in campagna.

Il giovane fu costretto a spogliarsi

Lì sotto minaccia lo avevano costretto a spogliarsi e a consegnare a loro i suoi vestiti e il telefono. Per il giovane sono stati momenti di terrore. All’epoca i militari dell’Arma, oltre ai tre bossoli utilizzati per intimorire i ragazzi, avevano trovato anche particelle di bario e antimonio sugli abiti indossati dai due al momento del sequestro e tracce di sangue della vittima.  I primi accertamenti avevano permesso sin da subito di identificare i due indagati che erano stati, all’epoca, immediatamente denunciati alla Procura di Milano. Gli arrestati ora sono in carcere.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA