L’allarme di FdI: «L’Ue blocchi il videogioco filo jihadista che incita a uccidere gli ebrei»

29 Ott 2021 13:02 - di Redazione
videogioco ebrei

Un videogioco nel quale si dà la caccia a «israeliani ed ebrei», con «contenuti espliciti a favore del fondamentalismo islamico» e quindi dalle «ripercussioni pericolose», specie sui ragazzi e sulle «menti più fragili». È l’allarme lanciato dagli eurodeputati di FdI-Ecr intorno al gioco Fursan al-Aqsa: The Knights of the Al-Aqsa Mosque, che da dicembre sarà disponibile sulla più grande piattaforma mondiale di giochi online e sul quale gli europarlamentari chiedono un intervento deciso e immediato della Commissione Ue.

L’allarme di FdI: «Chiari contenuti jihadisti»

«Abbiamo presentato una interrogazione alla Commissione Ue a seguito della notizia che dal prossimo dicembre sarà possibile scaricare, sulla più grande piattaforma mondiale di giochi online, un nuovo videogioco dal titolo Fursan al-Aqsa: The Knights of the Al-Aqsa Mosque, dai chiari contenuti jihadisti e antisemiti», ha spiegato in una nota il copresidente del gruppo Ecr-FdI al Parlamento europeo, Raffaele Fitto, illustrando i contenuti dell’interrogazione di cui è primo firmatario e che porta la sottoscrizione anche di tutti gli altri colleghi del gruppo Ecr-FdI: Carlo Fidanza, Nicola Procaccini, Pietro Fiocchi, Raffaele Stancanelli, Sergio Berlato, Vincenzo Sofo e Giuseppe Milazzo.

Il videogioco che «incita ad uccidere israeliani ed ebrei»

«La trama del gioco – spiega ancora la nota di Fitto – è quella di aiutare il protagonista, un miliziano arabo, a sterminare più israeliani possibili nella lotta di liberazione della Palestina. Il gioco è pieno di contenuti espliciti a favore del fondamentalismo islamico: ad esempio, la copertina del gioco inneggia alla guerra contro Israele, le uccisioni sono accompagnate dal grido “Allah è grande” e vengono lanciati terrificanti messaggi di incitamento al terrorismo jihadista, all’odio e a uccisioni contro gli israeliani e gli ebrei».

FdI-Ecr: «La Commissione eviti la distribuzione nell’Ue»

«Sono quindi evidenti – avvertono gli eurodeputati FdI-Ecr – le pericolose ripercussioni e gli effetti negativi che il videogame produrrebbe sui ragazzi e sulle menti più fragili nel caso in cui ne fosse consentita la distribuzione. Pertanto – spiegano ancora – abbiamo chiesto alla Commissione Ue: in ottemperanza alla strategia europea volta a combattere l’antisemitismo e a sostenere la vita ebraica la quale propone, tra le altre, “misure volte a rafforzare la cooperazione con le società informatiche per contrastare l’antisemitismo online”, quali misure urgenti e concrete intende adottare per evitare la distribuzione del videogame in Europa e se la Commissione non ritenga che l’eliminazione del videogioco dal cyberspazio europeo possa essere necessaria per prevenire ogni forma di antisemitismo».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA