Daniela Martani furiosa, la No vax pentita vittima del Green Pass: è scaduto. Deve scendere dal treno (video)

venerdì 22 Ottobre 14:09 - di Giulia Melodia
Daniela Martani

Daniela Martani, la ex hostess nonché ex gieffina salita alle cronache per un certo integralismo vegano rilanciato ad ogni ad ogni piè sospinto sui social e in tv, torna a far parlare di sé. Stavolta alimentazioni e salutismo d’annata non c’entrano, però. E neppure la sua furia negazionista che, nei mesi scorsi, il Tgcom riassunse significativamente come ex «negazionista del Covid e convinta no vax» che «ha dovuto cedere a tamponi e vaccini per poter partecipare all’Isola dei famosi», va su tutte le furie. E posta indignazione e rabbia in un tweet con cui se la prende con Green Pass e ferrovie…

Daniela Martani su tutte le furie: il Green Pass è scaduto

Già, perché la pasionaria della protesta che abbiamo visto recentemente a Star in the Star, stavolta è incappata nelle maglie delle misure anti-Covid sancite dal governo. Maglie strette che la Martani si è ritrovata a dover indossare controvoglia. Così, mentre era in viaggio sul Frecciarossa Milano-Roma dai controllori che eseguivano i controlli di rito è venuta a sapere che il certificato verde da lei esibito era scaduto. Da appena 4 ore, ma scaduto… Dunque: le è toccato scendere a metà strada, alla prima fermata utile: a Bologna. E incassare l’editto che, in ottemperanza alle restrizioni anti-Covid previste, la bandiva dal vagone. Da sola. E in piena notte.

Diretta a Roma da Milano, i controllori la fanno scendere a Bologna

La cosa, come è facile immaginare, l’ha fatta andare su tutte le furie. Tanto che, in preda a sconcerto e ira, l’ex gieffina ha prontamente twittato (e con tanto di video che ri-postiamo in basso dal suo account Twitter): «Comunque #trenitalia mi ha fatto scendere dal freccia rossa, ultimo treno della giornata per tornare a Roma da Milano, perché mi era scaduto il #greenpass da 4 ore (non me ne ero accorta) lasciandomi a Bologna da sola di notte. Questo perché lo fanno per il nostro bene. Vergogna».  Evidentemente, però, con il passare del tempo il malumore è cresciuto. E così, in un secondo cinguettio, la Martani rimuginando sulla vicenda, ha aggiunto: «I poliziotti chiamati dai controllori mi hanno guardata con la faccia rassegnata. Quasi vergognandosi per quello mi stavano facendo»…

La Martani sbotta sui social in cerca di solidarietà No Pass…

Imbarazzo o meno, le regole sono chiare. E per non contravvenire a quanto disposto dal governo sul Green Pass tra tormento e polemiche, in questo caso non c’è eccezione che possa delegittimare la regola. E i controllori (nomen omen) non possono, di conseguenza, ammettere deroghe. Neppure orarie. E così, gambe in spalla e valigie alla mano, anche Daniela Martani si è dovuta arrendere. Anche in considerazione del fatto che, come riporta Libero sulla vicenda, «il controllore contro cui si era scagliata, le ha risposto facendole notare: “Quattro ore, non sono i minuti contati. E lo sapeva prima di partire”»… Forse, l’argomento ha posto fine alla querelle. Almeno per ora…

Sotto, il video pubblicato sulla sua pagina Facebook da Daniela Martani

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *