Cacciari “smonta” la direttrice del Museo egizio sul Green pass: “E’ un delirio, abbia pietà di me” (video)

venerdì 22 Ottobre 12:20 - di Angelica Orlandi
Cacciari

Cacciari contro Cristallin: sul Green pass finisce in rissa dalla Gruber ad “Otto e mezzo” su la 7. “Pietà di me, siamo al deliro”, sbotta il filosofo contro la direttrice del Museo Egizio di Torino che magnificava l’introduzione della carta verde, ovviamente dal suo punto di vista. Ora, parliamoci chiaro, il Green pass sta dividendo l’opinione pubblica. E senza arrivare a schierarsi gli uni contro gli altri, riflettere con serenità sarebbe possibile. Senza negare le realtà e le contraddizoni evidenti. Per cui Evelina Christillin  direttrice del Museo egizio di Torino difende la misura imposta dal governo Draghi: “La gente ora viene al Museo. Da agosto a ottobre, quindi negli ultimi tre mesi abbiamo avuto il 33 per cento in più di visite. Insomma così la gente con il Green pass si sente più al sicuro, e chi non vuole venire non viene”.

Cacciari, legnata alla Christallin, direttrice del Museo Egizio

Tutto giusto dal suo punto di vista. Certo, il tono trionfalistico stride con le criticità, i disordini, i lavoratori sospesi per assenza ingiustificata, gli idranti a Trieste.  Toni più sobri e meno centrati sui  benfici che talune categorie hanno e altre no, sarebbe opportuno. Per questo Cacciari diventa un fiume in piena e a sentire queste parole esplode: “Non tiriamo fuori il discorso delle norme, per carità. Lo devo far vedere quando sono solo sul treno e non in metropolitana o su un treno regionale. Ma come si applicano queste cose? Pietà di me! Siamo al delirio, è una cosa penosa”. 

Scintille in studio. La Gruber chede “pietà” …

Il professor Cacciari insieme ad altri intellettuali aveva affrontato da subito il discorso Green passa sotto il profilo filosofico e giuridico , sull’impatto sulle regole democratiche che le disposizioni del governo potrebbero avviare nel tempo. Per cui ha poi aggiunto. “E faccio presente che lo stato di emergenza entro due anni deve cessare“. “E ora voglio proprio vedere come possono rinnovarlo. Perché allora sì che diventa stato di eccezione”.  Le scintille in studio sono sfavillanti e la Gruber ha preso a prestito la reazione che Cacciari aveva esternato poco prima. E concludel il duello:  “E adesso abbiate pietà di me”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *