Bergamo, cori “Duce Duce” nel cortile per salutare il preside che dice: sono il loro condottiero

venerdì 29 Ottobre 19:36 - di Redazione
Bergamo Duce

I sentinelli dell’antifascismo sono in allarme per un video pubblicato da Wired. Il video mostra quanto accaduto nel cortile dell’Istituto Aeronautico ‘Antonio Locatelli’ di Bergamo. Qui gli studenti maturandi hanno acclamato il preside nel giorno del suo compleanno gridando “Duce, Duce”. Il preside ha risposto con un saluto che è stato giudicato un mezzo saluto romano.

Mercoledì 27 ottobre il collettivo Bergamo Antifascista ha protestato fuori dall’Istituto Aeronautico Navale “Antonio Locatelli”. Hanno affisso uno striscione in cui si leggeva: “La storia vi ha condannati – studenti e preside fascista, vi abbiamo sgamati”.

Il preside Giuseppe Di Giminiani – scrive Wired a proposito della vicenda –  ha risposto per mezzo del suo avvocato, Emiliano D’Andrea, che ha smentito qualsiasi interpretazione malevola dell’accaduto e ha invitato a “evitare strumentalizzazioni”. Stando alla ricostruzione fornita dal legale, il preside non avrebbe mai compiuto atti riconducibili ad apologia di fascismo, bensì salutato “senza che le braccia siano tese in modo tale da poter intendere” un saluto romano, se non “in un’ottica forzata”.

E per quanto riguarda i cori di incitamento degli alunni, per il legale la qualifica di “duce” va ricondotta alla sua radice latina (dux) e dunque a una analogia tra la figura del direttore scolastico a quella del “condottiero degli alunni”. Lo studio del fascismo a scuola, ha spiegato D’Andrea, “avrà portato gli studenti a utilizzare tale appellativo in maniera certamente improvvisata e senza intenzioni reattive”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *