Via libera al Green pass, la Lega evapora anche a Palazzo Madama: c’è Salvini tra i 19 senatori assenti

giovedì 23 Settembre 20:01 - di Lucio Meo

Il governo ha incassato il voto di fiducia in Senato sul dl green pass per le scuole. A votare a favore sono stati 189 senatori, 31 i contrari, nessuno astenuto. Presenti in Aula 220 senatori che hanno tutti espresso il voto, con molto senatori leghisti, diciannove, assenti. Tra questi i senatori Siri, Pillon, Bagnai, Ferrero, Marti. Anche il leader Salvini non era in Aula. I senatori della Lega sono 64, ieri, per il voto di fiducia sul dl di riforma della giustizia civile erano mancati 12 voti, di cui 11 riconducibili a eletti assenti autorizzati, in missione o congedo.

L’imbarazzo dei senatori del Carroccio

Nessuno, al termine della maratona dei voti di fiducia, a partire dai tre sui green pass, tra Camera e Senato, nelle ultime 48 ore, vuole parlare delle divisioni nel partito, tra ala governista e frondisti. Tanto più che oggi a Palazzo Madama, il voto non ha dato lo scossone che molti si aspettavano anche dai senatori leghisti, dopo quanto successo a Montecitorio, con il gruppo spaccato quasi a metà, con Borghi e tanti altri a far mancare l’appoggio alla maggioranza.

Green pass, la Lega si spacca al Senato

In Senato si contano meno di un terzo di assenti, tra i 64 leghisti. Tra questi, sui 19 ‘certificati’ dai tabulati che non hanno votato a favore della fiducia, sono 5 quelli che risultavano non giustificati, perché in missione. I nomi sono quelli di Simone Pillon, della toscana Rosellina Sbrana, di Roberta Ferrero, l’organizzatrice del convegno sulle cure domiciliari al Senato, di Armando Siri. E dello stesso Matteo Salvini. Che, in tour elettorale in Calabria, trova il tempo di benedire i suoi parlamentari assenti durante i voti di fiducia: “Se la Lega ha un dibattito – dice – ne sono felice, perché gli altri partiti per ipocrisia, per mantenere la poltrona stanno invece zitti”.

La fedeltà a Draghi, ma non di tutti

Parole che, almeno stando ai numeri, hanno quasi un effetto ‘soporifero’, almeno in Senato, dove prevale il senso di responsabilità verso il governo. “Certo – dice all’AdnKronos un senatore di prima fila – qualcuno non voterà, ma nessun problema, saremo di nuovo tutti uniti sulle nostre battaglie, a partire da ottobre, con la legge Zan e altre cose da vedere…”. Poi arriva il voto, con il leghista Paolo Augussori, che in Aula ribadisce la fedeltà al governo Draghi, riservando alla Lega il diritto di critica: “Non siamo qui per creare problemi, lo testimoniano i voti ufficiali espressi dal partito”.

“Non potevo votare, ero fuori…”

Pillon guarda avanti: “Spero che le condizioni pandemiche permettano presto di dimenticare questa misura, che in Europa è adottata con tale invadenza solo da noi”, dice del green pass. Poi torna sulla richiesta dei tamponi salivari, ringraziando il leader Salvini che “ha garantito la libertà di un sano dibattito nel partito”. “Sono stata fuori dall’Aula, sono stata impossibilitata a votare”, risponde all’AdnKronos, Rosellina Sbrana, senatrice toscana della Lega, anche lei assente ‘ingiustificata’ al voto. “Ero fuori, non ho votato, non c’ero”, taglia corto pure Roberta Ferrero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *