Piazza Duomo piena al comizio della Meloni per Bernardo: “Guardatevi intorno e credeteci” (video e fotogallery)

sabato 25 Settembre 19:04 - di Guido Liberati
Meloni Milano

«La sfida delle amministrative a Milano è aperta. Cre-de-te-ci». Scandisce bene le parole Giorgia Meloni in una piazza Duomo gremita, nel comizio di Fratelli d’Italia a sostegno di Luca Bernardo.

Meloni: “Piazza Duomo piena, qualche anno fa non ci avrei creduto”

Il colpo d’occhio è notevole, come confermano le immagini e i video. «Piazza Duomo piena è incredibile – ha detto la leader di FdI dal palco – Se me lo avessero detto qualche anno fa che avremmo riempito piazza Duomo, non ci avrei creduto». Sul palco in piazza Duomo a Milano a sostegno del candidato sindaco del centrodestra, la Meloni invita la piazza a non fidarsi della narrazione mainstream «Giuseppe Sala ha lavorato così bene come dicono tv e stampa? Lavorare bene è un’altra cosa». E qui l’elenco è lungo. «Che Giuseppe Sala ha lavorato bene raccontatelo ai negozianti che hanno chiusi mentre proliferavano gli abusivi». Oppure «che Sala ha lavorato bene andiamo a raccontare a chi credeva nell’Expo. O raccontatelo alle periferie abbandonate. Belle le tavolate multietniche, ma poi gli immigrati e i centri di accoglienza li sbattono nelle periferie, mica dove in centro».  E ancora «Sala si fa la campagna elettorale con Carola Rackete, quella che sperona le navi della Guardia costiera. Una figlia di papà tedesca amica degli scafisti. Qual è il messaggio che si dà? Che si possono aggredire i nostri uomini in divisa?».

“La revisione delle stime catastali sarebbe macelleria sociale”

La leader sovranista ha parlato di temi di grande impatto. A cominciare dall’emergenza pandemia. «Dov’è la magistratura sugli scandali legati al Covid che abbiamo visto in questi mesi? La sinistra ha trasformato il Covid in una mangiatoia per i soliti noti. Mentre la gente moriva qualcuno si stava arricchendo». E su Draghi che non alzerà le tasse, la Meloni ha invitato la folla di piazza Duomo a tenere gli occhi aperti. «La revisione delle stime catastali porterebbe un aumento delle tasse indiretto, ne risentirebbe anche l’Isee delle famiglie. Risulterebbero tutti più ricchi. Sarebbe macelleria sociale. Fdi farà tutto quello che c’è da fare per bloccare questa follia».

Meloni alla gente di piazza Duomo: “Guardatevi intorno, siete più forti dei poteri forti”

La leader di FdI ribadisce con forza la necessità di non credere ai sondaggi. Su Luca Bernardo «hanno detto di tutto, che era pericoloso e inadeguato. Una specie di macchietta. Invece è uno dei pediatri più stimati in Italia». E io da mamma vi garantisco che un pediatra del suo livello non può essere la macchietta che vogliono descrivere». La leader di FdI ricorda l’incontro con Bernardo. «Mi ha detto una frase molto bella. Mi ha detto che quando fa una diagnosi su un bambino ascolta sempre con attenzione cosa gli riferisce la madre». Perché la «sua politica è una politica che sa ascoltare la gente».

Meloni in piazza Duomo piena

Sui sondaggi, la leader di FdI ha ricordato l’esperienza da candidato sindaco di Roma, cinque anni fa. «I sondaggi mi davano appaiata con il candidato di centrodestra Alfio Marchini, fuori dal ballottaggio, che veniva dato per certo tra Giachetti e la Raggi. Molti non mi hanno votato perché hanno dato retta ai sondaggi. Invece sono arrivata al 23 per cento e per un punto non sono andata al ballottaggio». Mentre Marchini, appoggiato da Forza Italia, ha raggiunto a malapena il 10 per cento. Un aneddoto per spronare gli elettori milanesi a non farsi scoraggiare. «Credeteci. Guardatevi intorno. Anche di Fratelli d’Italia avevano detto che non saremmo stati vincenti e non saremmo cresciuti. Noi – ha concluso Giorgia Meloni – dimostreremo ai poteri forti che il potere più forte di tutti è il popolo italiano».  

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fratelli d’Italia (@fratelliditalia)

Guarda il comizio integrale di Giorgia Meloni

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *