L’ultras Speziale, condannato per l’omicidio di Raciti, torna allo stadio. La vedova: “Non ho parole”

giovedì 16 Settembre 11:28 - di Davide Ventola
Speziale, Raciti

«Si, stavo allo stadio ma non ci hanno fermato, ci hanno solo identificato e non c’entra nulla un presunto striscione sul Green Pass». Lo ha detto all’Adnkronos Antonio Speziale, l’ultras del Catania che ha scontato 8 anni e 8 mesi di carcere per l’omicidio preterintenzionale dell’ispettore capo di Polizia Filippo Raciti, morto nel febbraio 2007 negli scontri in occasione del derby Catania-Palermo e che ieri è stato identificato a Catanzaro insieme ad un gruppo di sostenitori etnei perché avrebbe tentato di entrare nello stadio di Catanzaro per l’incontro di Coppa Italia con il Catania con degli striscioni. Si trattava di un gruppo di circa 40 tifosi della curva catanese. «Stavano entrando, hanno controllato i documenti a tutti. Nello striscione c’era scritto Catania Curva Nord», ha dichiarato all’Adnkronos l’avvocato di Raciti Giuseppe Lipera.

Speziale allo stadio, la vedova di Raciti si rifiuta di commentare

Rifiuta ogni commento la vedova di Filippo Raciti. «Non intendo rilasciare nessun commento. A volte le azioni parlano più delle parole». Queste le uniche parole di Marisa Grasso.

Durissime, invece, le parole dei sindacati di polizia. «È incredibile che non sia stato fatto un Daspo a questa persona, è possibile dopo tutto quello che ha combinato? O non ce l’ha e qualcuno ha omesso questa cosa o ce l’ha e lui infrange la legge». Questo il commento di Franco Maccari, vicepresidente Fsp Polizia di Stato.

Stupito per la vicenda anche il segretario generale del Siap Giuseppe Tiani. «Il tentativo di Speziale, nonostante anni di carcere e l’omicidio di Raciti, denota che probabilmente il periodo detentivo così come la certezza della pena non sono sufficienti. Ultras come lui tentano di sfidare lo Stato e le regole della giustizia sportiva. Auspichiamo una risposta severissima per il rispetto dovuto nei confronti dei tanti tifosi e di quegli ultras che rispettano le regole ed evitano ogni forma di violenza».

Antonio Speziale, ultras del Catania, ha scontato 8 anni e 8 mesi di carcere per l’omicidio preterintenzionale dell’ispettore capo di polizia Filippo Raciti, morto nel febbraio 2007 negli scontri in occasione del derby Catania-Palermo.

Nato a Catania nel 1967, Raciti era entrato in polizia nel 1986. Viveva ad Acireale con la moglie Marisa Grasso e i figli Fabiana e Alessio. Il 2 febbraio 2007, circa due ore circa dopo la fine dell’acceso derby tra Catania e Palermo, subì un fortissimo colpo contundente che gli causò un trauma epatico mortale.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *