Il dramma di Linda Evangelista: un intervento estetico mi ha reso deforme per sempre. Vivo da reclusa

venerdì 24 Settembre 12:05 - di Prisca Righetti
Linda Evangelista

Linda Evangelista, l’ex regina delle passerella che negli anni Novanta ha regalato alla moda bellezza ed eleganza, si confessa sui social. Uno sfogo amaro, il suo, che tradisce depressione e rabbia. Ma che, pur arrivando dopo un lungo periodo di dolore e vergogna, apre uno spiraglio alla speranza. Alla possibilità di uscire fuori dal tunnel dell’auto-reclusione in cui si è relegata in questi ultimi anni. Una denuncia coraggiosa, quella della ex top model, che ha scelto di uscire dal riserbo frutto di una profonda prostrazione, che la mitica icona della moda ha concentrato su Instagram, dove ha raccontato ai suoi follower il dramma che le ha cambiato la vita e l’aspetto…

Il dramma di Linda Evangelista

«Brutalmente sfigurata»: così si definisce Linda Evangelista, l’ex top model canadese nella squadra delle “big six” delle passerelle degli anni ’90, assieme a Claudia Schiffer. Cindy Crawford. Kate Moss. Naomi Campbell e Christy Turlington. Già, perché dopo un lungo silenzio, la modella ha deciso di interrompere l’esilio e di parlare. Di condividere, almeno con gli utenti social, il drammatico segreto che l’ha messa a dura prova. Decisa, attraverso il racconto su Instagram di quanto le è accaduto, a uscire allo scoperto per «andare avanti e liberarmi della vergogna». E così, tra dolore e rabbia, Linda Evangelista spiega rivolgendosi ai «follower che si sono chiesti perché non ho più lavorato – inizia nel suo post-confessione –. Mentre le carriere delle mie colleghe sono state in ascesa». «La ragione – scrive la modella – è che sono stata brutalmente sfigurata dalla procedura Coolsculpting (criolipolisi): che ha fatto l’opposto di quello che aveva promesso».

Il doloroso racconto su Instagram

Il Coolsculpting è una particolare tecnologia che va a trattare in modo selettivo quelle zone in cui si localizzano grasso e adiposità ostinate. Quelle che difficilmente riescono ad essere eliminate con la dieta o con l’attività fisica. Un trattamento che produce la riduzione non invasiva del grasso del corpo, attraverso il raffreddamento cutaneo localizzato. Un intervento di routine che invece, nel caso della Evangelista, come lei stessa ha raccontato su Instagram: «Mi ha brutalmente sfigurata. E che,  anziché diminuire, ha aumentato le mie cellule adipose. Lasciandomi deforme in modo permanente anche dopo essermi sottoposta a due successivi dolorosi interventi correttivi senza successo»…

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi

 

ARTICOLI CORRELATI

LEGGI ANCHE

Sostienici

Le App del Secolo d'Italia

In evidenza