Fuochi d’artificio selvaggi: a Bari e Catania festeggiano il boss. A Napoli è un segnale dei pusher

lunedì 20 Settembre 12:31 - di Carlo Marini
fuochi d'artificio

Un’attività di repressione dell’accensione, a tutte le ore, di fuochi pirotecnici per le strade di Bari sono state compiute nel fine settimana, dai poliziotti della Squadra Volante della Questura che hanno sorpreso e denunciato quattro giovani, intenti ad accendere ed a far esplodere due batterie di fuochi d’artificio di genere proibito ed una quinta persona per violazione delle prescrizioni imposte dalla misura dell’avviso orale aggravato.

Sabato pomeriggio, al quartiere Carrassi, gli agenti hanno sorpreso in strada, nei pressi del carcere, quattro foggiani, tutti pregiudicati, intenti ad accendere due batterie di fuochi d’artificio per festeggiare il compleanno di un quinto giovane, fratello gemello di uno dei quattro indagati, detenuto nella casa circondariale di Bari. I quattro, tre uomini rispettivamente di 28, 35 e 39 anni, e una ragazza ventenne, sono stati deferiti all’autorità giudiziaria.

Al di là dell’episodio specifico, il fenomeno dei fuochi pirotecnici è praticamente una costante

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi