Dall’ambasciatore Vattani uno schiaffone giudiziario a Tosa, Montanari e Scanzi: “Diffondono fake news”

mercoledì 1 Settembre 20:04 - di Marta Lima
Il Tribunale di Genova dà ragione al diplomatico Mario Vattani e dispone la rimozione della petizione aperta su change.org per chiedere la revoca della sua nomina ad ambasciatore italiano a Singapore. A promuovere la petizione era stato il direttore di Next, Lorenzo Tosa, che il giudice ha condannato anche al pagamento delle spese processuali (oltre 7mila euro), stabilendo che dovrà corrispondere a Vattani 250 euro al giorno “per ogni violazione o inosservanza successiva dell’ordine impartito o per ogni ritardo nell’esecuzione del presente provvedimento che si protragga oltre i cinque giorni dalla comunicazione della presente ordinanza”.

Vattani al centro delle fake news della sinistra

La nomina di Vattani era stata anche al centro di un’interrogazione parlamentare a firma di Roberto Morassut (Pd) e di un appello dell’Anpi, mentre la petizione promossa da Tosa aveva trovato il sostegno, tra gli altri, di Andrea Scanzi del Fatto Quotidiano, Saverio Tommasi di FanPage e del neo rettore dell’Università per stranieri di Siena Tomaso Montanari, in questi giorni nella bufera per alcune dichiarazioni sulle foibe. Punto cruciale della diffamazione è la “fake news” sulla partecipazione a un’aggressione avvenuta a Roma nel 1989 al cinema Capranica, accusa dalla quale in realtà il neo ambasciatore fu assolto con formula piena per non aver commesso il fatto.

L’aggressione fascista dell’ambasciatore non è mai avvenuta

Proprio su questo aspetto, il Tribunale sottolinea come “la petizione di cui trattasi nella parte esaminata costituisce un chiaro esempio di travisamento e manipolazione di uno specifico fatto storico, con il quale è stata realizzata una distorsione rispetto all’intento informativo dell’opinione pubblica che è alla base del riconoscimento dell’esimente del diritto di critica” e parla di una “prospettazione dei fatti opposta alla verità, in modo tale da gettare discredito sulla persona interessata”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )