Vicenza, Gioventù Nazionale scende in piazza per i referendum sulla Giustizia: code ai banchetti

martedì 31 Agosto 11:27 - di Redazione
vicenza

Grande successo a Vicenza per la raccolta delle firme a sostegno dei referendum sulla Giustizia. L’iniziativa è stata promossa dalla federazione provinciale di Gioventù Nazionale, in collaborazione con Fratelli d’Italia. FdI aderisce a quattro dei sei quesiti referendari, favorevole ai quesiti sulla riforma della magistratura. Non condivide invece i due quesiti sull’aumento di limiti alla custodia cautelare e sull’abolizione della legge Severino, figli più della legittima cultura radicale che quella della destra nazionale.

L’iniziativa a Vicenza

File e grande entusiasmo nel capoluogo vicentino, dove si è riscontrata una grande affluenza al banchetto organizzato dai giovani di Fratelli d’Italia. Il presidente provinciale del movimento giovanile, Nicolò Stefano Aldighieri, ha commentato l’iniziativa e l’adesione alla campagna referendaria. «Il principio di legalità è un valore imprescindibile della nostra cultura», ha detto. «È per questo che abbiamo deciso di aderire al referendum con l’obiettivo di perseguire una riforma che garantisca un sistema giudiziario veloce, equo ed efficiente. Era dunque fondamentale che il moto propulsivo di questa iniziativa venisse dal mondo giovanile».

Il nodo della Giustizia va sciolto

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente del circolo cittadino, Silvio Giovine. Ha commentato l’adesione del partito al referendum, sottolineando le difficoltà riscontrate dal Parlamento sul tema giustizia. «Porre la questione attraverso dei quesiti referendari rappresenta certamente una dinamica intelligente», ha detto. Questo, «alla luce della difficoltà che “il Palazzo” ha sempre riscontrato su questo tema delicato». Poi ha sottolineato l’aspetto culturale che ha portato a questa adesione. «Sicurezza e lotta alla corruzione sono da sempre valori non negoziabili per la destra».

«A Vicenza grande partecipazione»

Il coordinatore provinciale Mattia Ierardi ha voluto a ringraziare il movimento giovanile, promotore di questa iniziativa. Hs evidenziato la grande affluenza «Vicenza c’è», ha affermato. «E risponde benissimo. Un ringraziamento particolare ai ragazzi di Gioventù Nazionale come sempre in prima linea. Scendiamo in piazza per fare sentire la nostra voce, serve una riforma seria e concreta». Nelle prossime settimane continuerà la raccolta firme della campagna referendaria di Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale a Vicenza e su tutto il territorio nazionale.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica