site logo
cefalù
Cronaca

Vergogna a Cefalù: amplesso sessuale sulla spiaggia. E un passante riprende tutto in un video

20 ago 2021 di Fortunata Cerri
Un amplesso sessuale sulla spiaggia di Cefalù (Palermo) ripreso da un passante che diventa virale sul web e il sindaco si rivolge alle forze dell’ordine. «Circola sui social un video, girato probabilmente durante le prime ore della mattinata, che ritrae due soggetti impegnati in un amplesso, in un punto della spiaggia del Lungomare di Cefalù. Esecrabile il gesto, compiuto in un luogo in cui avrebbero potuto assistervi minori, il che, com’è ovvio, costituisce grave reato – denuncia il sindaco Rosario Lapunzina sui social – Per tale motivo, l’auspicio è che le forze dell’ordine riescano a individuare gli artefici di tale “prodezza”, affinché paghino il conto con la giustizia e in modo che la Città possa chiedere il risarcimento del danno all’immagine subito».

Cefalù, l’ira del sindaco

«Ciò che mi sorprende tuttavia è che l’autore del filmato, piuttosto che comporre il numero 112 per chiedere l’intervento di chi di dovere, si sia dilettato, telefono in mano, in una ripresa di circa un minuto, allo scopo di condividerla sui social, mancando di compiere un dovere civico e contribuendo, in maniera sostanziale, ad aggravare il danno di immagine – dice  – Il numero di persone che si accalcano in città durante la settimana di Ferragosto è esorbitante e non consente un controllo capillare del territorio. È pertanto auspicabile il contributo attivo e fattivo dei cittadini, affinché siano colpiti, come si deve, atteggiamenti simili contrari al vivere civile».

«La Città non merita questo»

E infine. «Da parte nostra, ci adopereremo con l’aiuto delle forze dell’ordine affinché non si ripetano, in questo ultimo fine settimana di grandi numeri, episodi che ledono l’immagine della Città. Cefalù non merita questo. Collaboriamo tutti con le Forze dell’Ordine e proteggiamo la nostra Città».

I commenti del web

Tanti i commenti al post del sindaco. Scrive un utente: «Non c’è più limite alla decenza e soprattutto alla mancanza di rispetto altrui». E un altro osserva: «Bisogna introdurre un ticket di accesso..Non se ne può più…».

Commenti
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. i campi contrassegnati con * sono obbligatori.