La Russa: «Mattarella? L’Afghanistan non può essere il grimaldello per accogliere tutti»

lunedì 30 Agosto 13:58 - di Redazione
la russa

La situazione in Afghanistan «non deve essere un fatto ideologico, il solito grimaldello per parlare di accoglienza a tutti i costi». A ribadirlo è stato Ignazio La Russa, che sulle parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, secondo il quale «chi proclama diritti non può negare accoglienza agli afghani», ha ricordato che «c’è modo e modo per affrontare il tema dell’accoglienza, io esprimo quello che secondo me è il migliore».

La Russa: «Accogliere chi ci ha aiutato»

«Credo che dobbiamo essere in grado di accogliere tutti quelli che hanno aiutato il contingente italiano, insieme ai loro familiari stretti, senza dimenticare nessuno», ha sottolineato il vicepresidente del Senato, per il quale però «per il resto, come Europa, dobbiamo favorire l’accoglienza di migliaia di profughi dall’Afghanistan, privilegiando l’aiuto ai Paesi vicini, dove l’accoglienza sarà più indolore».

«Non sia un grimaldello per accogliere tutti»

«Non deve essere un fatto ideologico, il solito grimaldello per parlare di accoglienza a tutti i costi», ha avvertito l’esponente di FdI parlando con l’Adnkronos. In questa direzione, ha quindi aggiunto, «toccherebbe all’America fare lo sforzo decisivo, per aver creato questa situazione con l’ignominiosa ritirata da Kabul». «Se al posto di Biden ci fosse stato Trump, altro che impeachment… Trump – ha sottolineato La Russa – sarebbe stato crocifisso, su Biden solo qualche critica garbata. Ma ora credo che tocchi agli Usa per primi riparare. Neanche nel Vietnam è andata così. Almeno lì non c’erano i terroristi. Qui invece – ha concluso il senatore di FdI – ci sono state anche le bombe».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica