Il negazionista Obama imbarazza gli Usa: “700 invitati erano troppi, ma la festa di compleanno si farà”

mercoledì 4 Agosto 17:49 - di Davide Ventola
Obama negazionista

Dopo le polemiche sui giornali per le centinaia di invitati, tra le quali moltissime celebrità del cinema, della musica e della tv, il negazionista Barack Obama ha deciso di cambiare e ridurre a malincuore il programma del party con cui sabato festeggerà a Martha’s Vineyard i suoi 60 anni, proprio mentre gli Stati Uniti stanno affrontando una nuova ondata di Covid.

Per i suoi 60 anni Obama fa il negazionista

“A causa della nuova diffusione della variante Delta nell’ultima settimana, il presidente e la signora Obama hanno deciso di ridurre in modo significativo l’evento comprendendo solo familiari e amici intimi”. Lo ha annunciato la portavoce, Hannah Hankins, sottolineando come la festa all’aperto era stata “organizzata mesi fa, nel rispetto con le linee guida e le misure in vigore”. Secondo la stampa locale, finora gli ospiti confermati erano 475. Un numero che doveva arrivare a 700.

Alla festa attesi George Clooney e Steven Spielberg

La portavoce ha aggiunto che Obama “ringrazia gli altri che manderanno i loro auguri da lontano e non vede l’ora di poter incontrarli presto”. La decisione arriva dopo che nei giorni scorsi la stampa locale e nazionale aveva messo in dubbio la sicurezza di un ricevimento a cui erano state invitate centinaia di persone, tra ex membri dell’amministrazione, finanziatori dem, tra i quali celebrità come George Clooney, Steven Spielberg e Oprah Winfrey.

Obama il negazionista mette nei guai anche Biden

Dallo staff di Obama avevano assicurato che tutti i partecipanti si sarebbero sottoposti al tampone. Tuttavia il governatore del Massachussets, il repubblicano Charlie Baker, aveva detto che la festa non era “una buona idea”. Lui per primo non avrebbe partecipato se fosse stato invitato.

Persino il presidente Joe Biden, che sicuramente l’invito l’aveva ricevuto, aveva fatto diplomaticamente sapere tramite un portavoce che non avrebbe potuto partecipare alla festa del suo ex boss per precedenti impegni.

“Se lo avesse organizzato Trump avreste fatto il finimondo”

I repubblicani avevano criticato il mega party del negazionista Obama, inclusa la rappresentante Elise Stefanik (R-NY), presidente della Conferenza repubblicana della Camera.

«I democratici stanno imponendo obblighi di indossare la mascherina mentre contemplano più restrizioni», ha detto Stefanik. «Nel frattempo, il presidente Obama ospita oltre 500 vip nella sua villa di Marthas Vineyard. Se tu o io lo facessimo, sarebbe chiamato un evento super-diffusore dai Democratici».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica