Ucraina, donne soldate marciano con i tacchi. Critiche al governo: «Rischiano la vita, non vanno derise»

sabato 3 Luglio 15:36 - di Eugenio Battisti

È polemica in Ucraina in vista della parata militare del prossimo 24 agosto. Pioggia di  proteste dopo le immagini diffuse dal ministero della Difesa delle donne che marciano perfettamente allineate indossando scarpe a mezzo tacco. Invece dei tradizionali stivali

Ucraina, donne soldato marciano con i tacchi

La parata, come riporta il Guardian, è quella del mese prossimo che segnerà il 30esimo anniversario dell’indipendenza del Paese. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica.  Le fotografie delle esercitazioni in rosa della parata, pubblicate venerdì dal ministero di Kiev, hanno sollevato un polverone di critich contro il governo.

Pioggia di critiche: il governo si scusi

Oggi, per la prima volta, l’esercitazione si svolge con scarpe con i tacchi“. Ha commentato la cadetta Ivanna Medvid, secondo il sito di informazione del ministero della Difesa, ArmiaInform. “È leggermente più difficile rispetto agli stivali dell’esercito, ma ci stiamo provando”, ha aggiunto Medvid. Tuttavia, l’idea non è piaciuta a diverse parlamentari vicine all’ex presidente Petro Poroshenko. Che hanno invitato il ministro della Difesa a indossare scarpe con i tacchi alla parata.

Rischiano la vita, non meritano di  essere derise

È  difficile immaginare un’idea più idiota e dannosa“, ha dichiarato Inna Sovsun, deputata del Partito Golos. Le donne soldato, come gli uomini soldato, mettono a rischio le loro vite, quindi non meritano di essere prese in giro”.

Olena Kondratyuk, vicepresidente della Verkhovna Rada, ha chiesto le scuse pubbliche del governo per aver “umiliato” le donne. Ricordando che al fronte contro i separatisti nell’est hanno combattuto 13.500 donne. Dal 2014, infatti, l’esercito ucraino è impegnato contro la Russa in un conflitto che finora ha causato oltre 13mila morti. Scarpe con i tacchi sono state esibite in Parlamento, come segno di protesta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica