Olimpiadi, accuse di terrorismo ad un atleta iraniano. Richiesta la sospensione della medaglia d’oro

giovedì 29 Luglio 14:00 - di Roberto Frulli
Olimpiadi Tokyo

Alle Olimpiadi di Tokyo ora arriva un’altra grana. E volano accuse di terrorismo perfino sugli atleti.

United for Navid, istituita dopo l’esecuzione del lottatore iraniano Navid Afkari e che ha più volte chiesto l’azione contro l’Iran per presunte violazioni della Carta olimpica, ha sollecitato la Commissione etica del Cio ad avviare un’indagine immediata sull’atleta iraniano Foroughi.

Il gruppo ha affermato che Foroughi, che ha vinto la medaglia d’oro con la pistola ad aria compressa da 10 metri alle Olimpiadi di Tokyo 2020, è “un membro attuale e di lunga data” di Forza Quds del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche. Che gli Stati Uniti hanno designato come organizzazione terroristica, avvertendo che il Cio sarà “complice nella promozione del terrorismo e dei crimini contro l’umanità” se non agirà.

Assegnare una medaglia d’oro olimpica a un membro di un’organizzazione terroristica è un terribile affronto agli atleti e agli ideali olimpici e lascia un grave segno nero sul Cio“, ha affermato il gruppo.

United For Navid chiede un’indagine immediata da parte del Cio e, fino a quando non sarà completata l’indagine, la sospensione di qualsiasi medaglia“.

Il Cio è stato invitato ad agire contro l’Iran poiché il paese continua a rifiutarsi di consentire ai suoi atleti di affrontare gli israeliani.

Nonostante il numero di tali casi, il Cio non ha mai sospeso l’Iran.

Ci sono già stati esempi di paesi che si sono rifiutati di condividere il campo di gioco con gli israeliani a questi Giochi.

Il judoka algerino Fethi Nourine e il suo allenatore Amar Benikhlef sono stati rimandati a casa da Tokyo 2020 dopo che l’atleta si è ritirato per evitare la possibilità di incontrare l’israeliano Tohar Butbul.

La Federazione Internazionale di Judo ha detto che avrebbe indagato e che sia Nourine che Benikhlef erano stati sospesi.

Ad aprile, l’IJF ha bandito l’Iran per un periodo di quattro anni dopo che il paese ha incaricato Saeid Mollaei di evitare di affrontare un avversario israeliano ai Campionati del mondo 2019.

“Il Cio è sempre preoccupato in questi casi e lo sta monitorando molto da vicino”, ha affermato James Macleod, direttore delle relazioni del Cio della solidarietà olimpica.

“Se ci sono abusi della Carta Olimpica, il Cio adotterà tutte le misure necessarie al riguardo. Indagheremo su tutto ciò che ci viene segnalato e lavoreremo con caso per caso”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *