Lampedusa, in tre anni sbarchi aumentati del 700 per cento: in 7 mesi 25mila arrivi (senza Green pass)

venerdì 23 Luglio 8:53 - di Carlo Marini
Lampedusa sbarchi

Le date parlano chiaro: dal primo gennaio al 22 luglio 2019, ministro dell’Interno Matteo Salvini, tremilacinquecento migranti sbarcati a Lampedusa. Stesso lasso di tempo, gennaio luglio del 2021, Luciana Lamorgese al Viminale: 25mila sbarchi.

Il calcolo dell’onda migratoria è presto fatto: il 700 per cento di arrivi in più. Più che un’onda migratoria è uno tsunami. E che questo accada in piena pandemia, con gli italiani costretti a usare il Green pass per attività minime, ciò è ancora più clamoroso.

I numeri che inchiodano Lamorgese 

Il rapporto pubblicato oggi dal quotidiano La Verità inchioda il governo Draghi (e chi lo sostiene) alle sue responsabilità.

«A fare impressione è in particolare il raffronto dei dati su scala annuale: se nel 2019, dall’1 gennaio al 22 luglio in Italia erano arrivate meno di 3.500 persone (3.428), lo scorso anno quel numero è balzato 10.903 e quest’ anno è più che raddoppiato: 25.295. Tutto ciò porta a sviluppare almeno due tipi di considerazioni. La prima, più strettamente legata al tema migratorio, riguarda il consolidato legame tra numero di sbarchi e morti in mare. Non è infatti un caso che meno di dieci giorni fa siano stati diffusi da Oim – acronimo di Organizzazione internazionale per le migrazioni – dei dati che dicono come nei primi mesi di quest’ anno siano morti in mare, nel tentativo di raggiungere l’Europa, 1.146 naufraghi. Un numero impressionante, in pratica uguale al numero di vittime del 2019 e del 2020 messe insieme».

Da Open Arms l’ennesimo appello 

A conferma di questo, in queste ore è arrivato l’ennesimo appello per un barcone da soccorrere in alto mare. “Più di 50 persone, 2 incinte, un neonato di 10 mesi, uno di un anno e diversi bambini alla deriva a 30 miglia da Lampedusa”. Lo ha scritto stamattina su Twitter Oscar Camps, fondatore di Open Arms.

A Lampedusa con la variante Delta e senza Green pass

Il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro ricorda come «la variante Delta sia stata individuata su dieci migranti del Bangladesh sbarcati proprio a Lampedusa. Non occorre dunque essere sovranisti per registrare il paradosso che vede i migranti più liberi, per così dire, degli italiani, e quello per cui l’arrivo di immigrati irregolari – assai meno controllati, per ovvie ragioni, anche sotto il profilo medico – rischia di vanificare non solo il green pass, ma pure gli sforzi già affrontati da lavoratori e imprenditori nei mesi scorsi». L’ennesimo paradosso, non l’ultimo di questo governo.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica