Grillo al servizio di Draghi detta la linea sulla giustizia. Ulteriore spaccatura con Conte

venerdì 9 Luglio 11:42 - di Redazione
Grillo

Sarebbe stato Beppe Grillo a spingere i ministri M5S a votare sì alla riforma della Giustizia della Guardasigilli Marta Cartabia, quella che di fatto stravolge la legge Bonafede. A raccontarlo il Fattoquotidiano.it, che cita fonti di primo piano del Movimento. Nella ricostruzione viene riportato che a muovere il garante sarebbe stato lo stesso premier, Mario Draghi, che lo aveva contattato in giornata.

Il M5S era orientato ad astenersi, poi Draghi ha chiamato Grillo

Fino a poco prima del Consiglio dei ministri delle 17, il Movimento era orientato ad astenersi. Questa era stata l’indicazione dei Direttivi delle due Camere, e questa era anche la linea portata avanti dal capodelegazione, il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli. Convinto della necessità di dare un segnale politico su un totem del M5S. Poi è cambiato qualcosa, con una nuova trattativa sul testo tra i quattro ministri, Draghi e Cartabia, che ha fatto slittare il Cdm di quasi due ore. Secondo quanto riportato dal Fatto, a pesare sarebbe stato l’intervento di Grillo, mosso dal presidente del Consiglio in persona.

Ulteriore spaccatura tra Grillo e Conte

Il sì del M5S, per quanto sofferto, rappresenta un’ulteriore spaccatura in seno al Movimento. Con Conte e i parlamentari che a lui fanno capo schierati su una posizione molto critica verso la riforma Cartabia e Grillo sull’opposta barricata, pronto a mediare e deciso a non farsci scippare il ruolo di interlocutore del governo per il M5S.

Fonti di primo piano confermano che la mediazione raggiunta nel governo -ovvero l’allungamento dei tempi processuali per i reati contro la PA, come corruzione e concussione– non sarebbe andata giù all’ex premier Conte, lasciando scontento e amareggiato anche Bonafede, che ieri ha lavorato in prima linea in difesa della propria riforma.

La distanza siderale tra Grillo e Conte

Quando i ministri grillini sono arrivati a minacciare l’astensione, la mediazione sul tavolo sarebbe stata esattamente la stessa che poi è stata approvata in Cdm, ovvero tempi processuali più lunghi per i reati contro la PA. Anche Bonafede, prima del Cdm, sarebbe stato rassicurato sulla linea dura del M5S in Consiglio. Ma poi qualcosa è cambiato, tanto da indurre i ministri a dare l’ok alla riforma Cartabia. Stando a quanto ricostruito dal Fatto, a cambiare le carte in tavola l’intervento di Grillo. Una vicenda che registra ancora una volta la distanza siderale con l’ex premier.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica