Finale di Wembley, Londra: “Tifosi italiani non venite in Gb”. Intanto la stampa ci irride: “Loschi”

venerdì 9 Luglio 15:24 - di Gabriele Alberti
Finalissima Wembley

“Italiani, non venite per la finale”. Il ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps esorta i tifosi italiani a non cercare di arrivare in Inghilterra per la finale degli europei di domenica. A chi gli ha chiesto se avrebbe raccomandato ai tifosi italiani di andare allo stadio  per assistere alla finale, il ministro ha detto: “No è la risposta a questa semplice domanda”. “Se ci accorgiamo che le persone arrivano solo per questa partita, non potranno entrare. Per questo sono stati cancellati molti voli diretti e charter, ha aggiunto in una intervista a Times Radio.

La stampa unglese: “Italiani loschi”

L’Inghilterra affronterà l’Italia nella finale al Wembley Stadium di Londra, dove sono attese circa 60.000 persone: ma pochi di loro saranno italiani poiché le regole di viaggio britanniche impongono una quarantena di 10 giorni per i passeggeri in arrivo dall’Italia. Questa forte limitazione non fa venir meno la voglia dei tabloid inglesi di provocarci. La stampa britannica punzecchia la squadra azzurra cercando di caricare l’uomo in più su cui  potranno contare: il pubblico. Sui tabloid traspare un certo fatalismo: la Nazionale dei Tre Leoni porterà a casa una storica vittoria: la prima in un Europeo, dopo il successo ai mondiali datato 1966.

Finale Europei, la stampa inglese “sorvola” sul rigore contestato

Sorvolano, però, sulla polemica sorta dopo il rigore generoso con cui gli inglesi hanno piegato 2-1 la Danimarca ai supplementari in semifinale, l’argomento viene licenziato ribadendo che l’Inghilterra vincerà senza favori; e ciò che è accaduto coi danesi non è certamente un aiuto arrivato per aiutare la squadra di casa. La gran parte delle prime pagine della stampa inglese sono passate dal clima di euforia e di trionfo per aver raggiunto la finale dell’11 luglio contro l’Italia, ad una difesa ad oltranza di Southgate e i suoi giocatori: rilanciando un confronto a distanza con la nazionale di Mancini.

Finale Wembley, i tabloid: “Cos’hanno mai fatto i romani per noi?”

La prima pagina del Daily Star oggi apre con una provocazione: “Mentre gli sfacciati italiani accusano i nostri eroici Tre Leoni di essere stati aiutati a vincere con un rigore. Ci chiediamo: cosa hanno mai fatto i romani per noi?“. A corredo la fotografia di una pizza; con scritto sopra un elenco di ciò che la civiltà dell’Impero avrebbe lasciato in eredità a tutti: acquedotti, sistema sanitario, strade, irrigazioni, civiltà. Inserendo, però, anche elementi sfacciatamente legati a facili stereotipi: “belle donne, buon vino, uomini incredibilmente soavi, bagni incantevoli”. E quale sarebbe il problema?

Le vignette sulla Regina Elisabetta

Non sono poi mancati nei giorni scorsi i commenti al ‘vetriolo’ nei confronti di Ciro Immobile in occasione del gol di Barella contro il Belgio. L’attaccante dolorante a terra dopo la rete è immediatamente scattato in piedi per festeggiare coi compagni, un atteggiamento definito “dodgy“, “losco, meschino”. Tutto vale dunque per caricare il pubblico. A rincuorarci le riflessioni di Antonio Conte secondo cui la pressione dello stadio non ha certo aiutato Kane e compagni a giocare meglio contro la Danimarca, anzi. Non ci resta che aspettare il verdetto inoppugnabile del campo. E ridere con le vignette che stanno facendo il giro del web della ineffabile Regina Elisabetta precettata per presiedere al Var; o addirittura nei panni dell’arbitro della partita...

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *