Centrodestra, Berlusconi: «Uniti nella diversità. Daremo all’Italia il buongoverno che merita»

16 Lug 2021 13:55 - di Michele Pezza
Berlusconi

Matteo Salvini ci mette la mano sul fuoco: «Il centrodestra è unito. Gli avversari non sono mai in casa e io sto cercando di spegnere ogni tipo di polemica». Il leader della Lega è a Milano, alla presentazione del candidato sindaco Luca Bernardo. In collegamento telefonico c’è Silvio Berlusconi mentre a rappresentare Fratelli d’Italia, c’è la coordinatrice regionale Daniela Santanché. I rapporti sono tesi  dopo che FI e Lega hanno fatto asse a spese di FdI, estromettendolo dal cda Rai. Non proprio un gesto da alleati. Salvini prova a minimizzare. E a chi gli chiede se questo potrà mettere a repentaglio la compattezza della coalizione, risponde: «Mi rifiuto di pensarlo».

Berlusconi: «Siamo attesi dalla grande prova»

La tensione però c’è. E si coglie tutta nelle parole della Santanché. «Il centrodestra per noi è importante – polemizza -, ma ogni tanto vedo che non è importante per tutti». Gelo. Cosicché è toccato a  Berlusconi tentare di mediare via etere una ricomposizione con il partito di Giorgia Meloni. «Nel centrodestra – ha ricordato l’ex-premier – convivono sensibilità diverse. Ma sappiamo che ci unisce una visione comune del futuro delle città e della nazione. Tutto questo – ha aggiunto – va al di là di ogni polemica contingente o legittima rivendicazione. Io credo nel futuro del centrodestra: abbiamo il dovere di dare a Milano e fra due anni all’Italia un buon governo».

«Il governo Draghi è legato alla pandemia»

Un obiettivo che Berlusconi presenta come la «grande prova». Per lui coincide con un centrodestra europeo, i cui punti di riferimento sono «le radici giudaico-cristiane e il liberalismo». Il fondatore di Forza Italia ha indugiato molto sul tema dell’Europa («sarà sempre più il nostro punto di riferimento») e sulle risorse messe a disposizione attraverso il Recovery Fund, definito «un vero piano Marshall». Grazie ad esse, ha assicurato «l’Italia e Milano ripartiranno». Rileva invece molto sotto il profilo politico, il passaggio dedicato da Berlusconi al governo Draghi, da lui collegato alla «fase di emergenza» innescata dalla pandemia. «Fra due anni – ha concluso -, quando la parola tornerà ai cittadini, quando la politica tornerà alla normalità democratica, daremo all’Italia il buongoverno che merita».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA