Meloni: “Letta vuole più immigrati per avere manodopera a basso costo. Senza parole”

venerdì 4 Giugno 10:53 - di Adriana De Conto
Meloni immigrati

La sinistra continua con la sua becera propaganda immigrazionista. Mentre la disoccupazione è in vertiginosa crescita e le imprese sono in ginocchio, la sinistra chiede l’arrivo di altri immigrati da utilizzare come manodopera a basso costo nei campi. E la chiamano accoglienza…”. Un post di Giorgia Meloni sulla sua pagina Fb è più  eloquente delle risposte a Enrico Letta. Il segretario del Partito democratico ospite di Porta a Porta non molla la presa sui migranti. E prosegue con la sua agenda “surreale”,  spingendo per accogliere nel Paese la “manovalanza” straniera.

Meloni alla sinistra: “Becera propaganda immigrazionista”

“In molti campi dobbiamo capire che probabilmente serve manodopera che viene dall’immigrazione. I giovani italiani sono pochissimi, il nostro sistema imprenditoriale ha bisogno di manodopera”: le parole sconcertanti di Letta scendono direttamente da un’impostazione ideologica assurda, vecchia,  lontana dalla realtà. I giovani italiani disoccupati, aumentati a seguito del Covid – come fa notare la leader di FdI – non devono sembrargli  sufficienti per coprire il fabbisogno delle aziende. Senza contare che le parole del segretario del Partito democratico hanno potenzialmente un peso esplosivo. Potrebbe indurre a incoraggiare altri  migranti a lasciare i loro Paesi; nella convinzione che in Italia trovino l’albero della cuccagna. E così non è. “La verità è che avete bisogno di manodopera a basso costo; e di un nuovo serbatoio clientelare di voti. Ecco di cosa avete bisogno“. Lo scrive un utente “realista” a commento del post di Giorgia Meloni.

Immigrati: da Letta parole “pericolose”

Con l’ondata di migranti che a pieno ritmo si prepara a sbarcare sulle coste italiane, Letta fa promesse che non può mantenere. Non ci sono aziende pronte ad assumerli ma centri di accoglienza saturi e in condizioni disastrose. Pura retorica immigrazionista, appunto. Parla come Laura Boldrini. Un’agenda surreale e anche vecchia. E fa un po’ ridere che a Porta a porta il segretario Pd abbia  esordito così, presentandosi come il nuovo che avanza: “Ho lasciato sei anni di cose molto interessanti che facevo, e le ho lasciate per tornare in politica. E mi sono detto che se torno, torno per fare le cose fatte bene, non per vivacchiare. Sono tornato per provare a cambiare le cose in Italia in modo che i giovani italiani trovino opportunità che trovano oggi all’estero”. Non sembra questo il modo migliore. Del resto Enrico Letta è così.

L’agenda surreale e vecchia di Letta

Il “nuovo” Pd che vorrebbe  per aiutare gli italiani basato su ius soli,  immigrazione, tasse e patrimoniale ha fatto insorgere più volte FdI. E reso perplessi gli i stessi elettori dem. Accerchiato ovunque, criticato dai suoi, in calo nei sondaggi, Letta non è ancora pago. E per riscattarsi dall’ultimo tonfo con la proposta di una patrimoniale ora ripertica la retorica immigrazionista. Sembrano più le mosse della disperazione che una lucida visione. Avanti cosi…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *