M5S, è guerra aperta tra Grillo e Conte: va in fumo la presentazione dello Statuto fissato per giovedì

lunedì 21 Giugno 19:16 - di Federica Argento
Conte grillo

Era tutto previsto per il lancio dello Statuto. Ma la “guerra” tra Grillo e Conte ferma tutto.  Non se ne fa niente per ora. A quanto apprende l’Adnkronos, il giorno X per presentare il nuovo statuto e la carta dei valori 5 Stelle sarebbe stato giovedì: era stata infatti verificata la disponibilità di una grande sala capitolina: qui l’ex premier avrebbe presentato il suo progetto, una ‘sfida’ che Beppe Grillo gli aveva affidato nel febbraio scorso. Ma proprio le divergenze tra Conte e il fondatore del Movimento avrebbero al momento mandato a carte quarantotto i piani. Troppo il divario tra i  due sui nodi sullo statuto, a partire dall’estromissione di Grillo dalle scelte politiche. Intenzioni che avevano mandato Grillo su tutte le furie. 

Grillo e Conte, una sfida muscolare

Era stata prenotata una grande sala per un confronto ormai ineludibile. Le frizioni, i botta e risposta tra Conte e Grillo avrebbero dovuto trovare una soluzione a metà di questa settimana. La disdetta segnala che i termini del “gelo” tra i due sono ben più gravi  di quel che è stato descritto. Le distanze -raccontano alcuni beninformati – sarebbero ancora più ampie. E Grillo, spiega chi gli è vicino, sarebbe deluso e arrabbiato per il nuovo corso: difficile trovare la quadra. Anche perché sia Conte che Grillo sarebbero decisi a non cedere: l’ex presidente del Consiglio convinto del cambiamenti impressi nel M5S via statuto; e Grillo sul piede di guerra su diversi punti, ma anche amareggiato -riportano le stesse fonti- di non aver partecipato attivamente alla stesura del neo statuto.

M5S, gelo tra Conte e Grillo

Un Beppe Grillo “depotenziato”? “A Beppe non sta bene”, hanno raccontato fonti 5S raccolte dal Giornale: “Grillo vuole essere arbitro, al di sopra di tutto“, raccontano quelli più a stretto contatto e che lo conoscono bene. E “senza l’ok di Grillo il voto sul nuovo Statuto non può partire”. Il “redde rationem” previsto per giovedì è andato all’aria  e dunque le cose si mettono male.  All’inizio della rifondazione del M5S Beppe Grillo era sceso a Roma per incoronarlo, adesso il comico arriva nella Capitale per fermarlo. Anzi non arriva proprio, il che significa che l’aria è brutta. Nonostante il “pompiere” Roberto Fico affermi che va tutto bene.

M5S Grillo non vuole essere “demansionato” da Conte

Da Statuto, Grillo dovrebbe avere piena disponibilità del logo – senza il riferimento al Blog delle Stelle di proprietà di Davide Casaleggio -; inciderà sulle votazioni, ma resta il nodo della sua influenza politica. «Beppe fa così, non è un politico, ma pretende di dettare la linea ogni volta che vuole», dicono fonti parlamentari del M5s al giornale. Non è un caso che il post anti-Nato e filo-cinese sia stato pubblicato sul Blog del comico proprio nella stessa giornata in cui Conte debuttava in pubblico, a Napoli insieme al candidato giallorosso Gaetano Manfredi.

Da Grillo bastoni tra le ruote a Conte

Dai rispettivi entourage descrivono un Grillo “bellicoso” come non si vedeva dai tempi del “vaffa”; e un Giuseppe Conte deciso a non mollare la sua linea. Si aspettava carta bianca, ma gli sta andando male. Grillo vuole dare una prova muscolare: ha deciso lui il bis a Roma per Virginia Raggi, primo bersaglio del repulisti contiano. Poi il fondatore ha bloccato la modifica del simbolo; ha messo in imbarazzo l’ex premier sui cinesi, e ora tiene il punto sullo Statuto. Sarà difficile questa diarchia per un movimento in crisi nera che sta conoscendo una gestazione complicata.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *