L’incredibile faccia tosta di Conte su Arcuri: «Ha fatto un lavoro straordinario»

lunedì 7 Giugno 12:32 - di Natalia Delfino
conte arcuri

Uno che ha svolto un «lavoro straordinario», colpito da attacchi «strumentali». Nella lunga intervista con il Corriere della Sera, con la quale ha suggellato il suo pieno ritorno in campo, dopo la chiusura del contenzioso con Rousseau sugli iscritti, Giuseppe Conte non ha mostrato alcun pentimento sulla scelta di accentrare e assommare sempre più poteri nelle mani di Domenico Arcuri. Anzi, ne ha difeso l’operato con toni e parole che fanno pensare che, in effetti, nessuno più di lui sia adeguato alla guida del M5s. Conte, infatti, sembra aver fatto propria come nessuno altro l’arte di negare la realtà, anche di fronte a dati che all’universo mondo fuori dalla narrazione pentastellata appaiono incontrovertibili. Così, il super commissario dei più disparati disastri, nella sua lettura, diventa una vittima di «critiche ingenerose».

Conte su Arcuri: «Ha fatto un lavoro straordinario»

Per Conte non si può fare un paragone tra Arcuri e Figliuolo. «Sono situazioni incomparabili. Arcuri – ha sostenuto Conte – ha fatto un lavoro straordinario. Nonostante critiche ingenerose e spesso strumentali, ha permesso all’Italia di partire con il piede giusto nella fase in cui dovevamo fare i conti con la mancanza dei vaccini e comunque anche allora eravamo tra i primi in Europa». «La situazione – ha aggiunto Conte – oggi è molto diversa, Figliuolo e le Regioni stanno efficacemente completando la campagna vaccinale».

Dai banchi alle Primule: la memoria corta sull’ex super commissario

Dunque, cancellati con un colpo di spugna il disastro delle Primule, delle indicazioni confusionarie alle Regioni, delle mascherine e dei banchi a rotelle, solo per citare i fallimenti più noti che portano la firma del super commissario. Su come sia potuto venire in mente a Conte di lanciarsi in una valutazione così priva perfino di chiaroscuri sulla gestione commissariale di Arcuri, molte ipotesi si possono fare. Certo è che a portare avanti una difesa a oltranza di questo tipo ci sono rimasti praticamente solo lui e Marco Travaglio.

E, non a caso, anche oggi, nell’ambito di due paginate che Il Fatto quotidiano ha dedicato al professore che sarebbe «pronto a sfidare Draghi», si legge che Conte dovrebbe far valere «il merito di aver portato l’Italia fuori dalla pandemia». Intanto, però, giusto oggi Figliuolo ha comunicato che il valore medio del target delle vaccinazioni richiesto alle Regioni per questa settimana è di 550mila dosi, perché la «pianificazione è alla base della sostenibilità della campagna vaccinale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *