La Brexit ci cancella serie tv e i film inglesi. La Ue: “Non sono più europei, vanno ridotti”

lunedì 21 Giugno 20:09 - di Augusta Cesari
Brexit serie tv

La Brexit vale anche per i film e le serie Tv. Serie acclamate come “The crown” e “Downtown Abbey” non sono più ‘europee’ e quindi non dovrebbero più rientrare nella quota di almeno 30% di produzioni del vecchio continente sulle piattaforme on demand come Netflix o Amazon: quota  fissata dalle direttive Avms dell’Ue. E’ questo l’orientamento di un documento interno della Ue dell’8 giugno visionato dal Guardian. Secondo tale documento, dopo la Brexit l’inclusione di film e serie british in queste quote porta ad una “sproporzionata” quantità di programmi d’oltremanica sui piccoli schermi europei.

Brexit, la Ue fa la guerra alle serie tv inglesi

Il titolo del documento è tutto un programma: “La presenza sproporzionata di contenuti britannici nelle quote di prodotti on demand europei; e gli effetti sulla circolazione e promozione di lavori diversi”. Questo documento si proporrebbe di favorire, come dice sempre il Guardian che lo avrebbe letto, “una diversità dei contenuti”. “Questa sproporzione rischia di minare il raggiungimento dell’obiettivo di promozione delle opere europee e della diversità culturale”, spiega il documento; nel quale si chiede alla Commissione Europea di avviare uno studio sui rischi che la produzione britannica comporta per la “diversità culturale” europea. Secondo fonti europee, l’iniziativa potrebbe acquistare maggiore slancio a gennaio, quando la Francia assumerà per sei mesi la presidenza di turno dell’Ue. E paesi come Spagna, Grecia, Italia e Austria l’appoggeranno su questa linea.

Brexit, serie tv da ridurre: quanto ci rimette la Gb

Al momento, malgrado la Gran Bretagna sia ormai un ‘paese terzo’, la sua produzione viene qualificata come europea: definizione che fa riferimento alla convenzione sulle televisioni del Consiglio d’Europa di cui Londra fa parte. Ma la direttiva Avms sui media audiovisivi dovrà essere rivista fra tre anni ed è allora che potrebbe entrare in vigore l’esclusione dei britannici. La mossa europea potrebbe avere importanti conseguenze. Il Regno Unito è al momento il maggior produttore europeo di film e programmi per la Tv: un ‘soft power’ culturale che frutta 1,4 miliardi di sterline l’anno con la vendita dei diritti all’estero. La prevendita di tali diritti è spesso una parte importante del finanziamento necessario a produzioni costose, come Downton Abbey. Dopo gli Stati Uniti, l’Europa è il secondo mercato per l’industria televisiva britannica, con 490 milioni di ricavi nel 2019-20.

“The Crown”, serie amatissima

E’ facile prevedere che oltre “alla guerra delle salsicce” e gli scontri sulla pesca, si rischia ora anche una contesa sulle serie tv. Si tratta di promuovere davvero il pluralismo culturale o si tratta di uno “sgambetto” della Ue alla Gran Bretagna?Il tutto senza considerare le reazioni del pubblico. Se dovessero venire tagliati programmi seguitissimi come  “The Crown”, quale sarebbe la reazione? Tenere conto  del gusto degli spettatori non guasterebbe, visto che sono loro a pagare per vedere film e fiction. Tra le serie tv britanniche presenti sulle piattaforme a pagamento con più abbonati in Europa, spiccano la già citata The Crown, ma anche The Office, Downtown Abbey, Peaky Blinders, Sex Education, Merlin, Luther Black Mirror.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )