AstraZeneca e trombosi, la Liguria sospende un lotto in via cautelativa. E sugli open day Regioni in ordine sparso

giovedì 10 Giugno 15:42 - di Mia Fenice
AstraZeneca

Dopo i rari casi di trombosi successivi alla somministrazione del vaccino AstraZeneca, l’azienda sanitaria della Liguria Alisa, in via cautelativa, «ha dato indicazioni a tutte le sedi vaccinali di sospendere, fino a nuova indicazione, la somministrazione del lotto ABX1506, se presente». È quanto viene comunicato in una nota diffusa dall’ente.

AstraZeneca, lotto sospeso in via precauzionale

«È in corso la ricognizione per verificare eventuali giacenze del lotto in questione nelle sedi di vaccinazione della Liguria», informa Alisa. «Appena ricevuta la segnalazione delle due reazioni avverse, che riguardano le due giovani donne attualmente ricoverate al Policlinico San Martino, si è attivata la rete di farmacovigilanza e sono state inviate tempestivamente all’agenzia italiana del farmaco Aifa le segnalazioni; il lotto interessato è stato quindi sospeso in via precauzionale».

AstraZeneca e giovani, cosa fanno le Regioni

Sul vaccino AstraZeneca, a giovani e donne, in attesa di un’eventuale ulteriore prescrizione da parte dell’Aifa, le Regioni si muovono in ordine sparso sul fronte degli open day. C’è chi li mantiene e chi non li fa o li cancella. Il Veneto continua a non farli e la Campania li blocca.

Veneto

«Gli open day con AstraZeneca il Veneto non li fa e non li ha mai fatti. L’abbiamo detto fin dal primo giorno – sottolinea il presidente del Veneto, Luca Zaia, nel corso del consueto punto stampa – Noi abbiamo applicato la raccomandazione fin dal primo giorno, non facendo open day né facendo promozione del vaccino sotto i 60 anni. Non lancio accuse a nessuno, è una scelta discrezionale che ogni Regione fa per sé».

Campania

«Gli open day con AstraZeneca sono bloccati e le prime dosi andranno somministrate solo sopra i 60 anni» dice il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che ieri ha tenuto una riunione con i direttori generali delle Asl campane. «Gli open day con AstraZeneca – spiega De Luca – sono bloccati per ragioni di prudenza, non abbiamo avuto grandi problemi. Le prime dosi le facciamo solo sopra i 60 anni, sotto i 60 lo utilizziamo solo per i richiami e non per le prime dosi». Il governatore sottolinea: «Abbiamo ascoltato per l’ennesima volta che il Comitato tecnico scientifico, che non ha ruolo sulla certificazione dei vaccini, ha raccomandato l’uso di AstraZeneca sopra i 60 anni. E per chi ha già fatto il vaccino sotto i 60 anni? Cosa facciamo per il richiamo? Non dicono una parola».

AstraZeneca, Sicilia

Da oggi a domenica 13 in tutti i centri vaccinali dell’Asp (ad eccezione di quelli ospitati negli ospedali) è attiva (ore 8-20) l’iniziativa “Porte aperte” in Sicilia. I cittadini dai 18 anni in su, che non presentano fragilità, potranno vaccinarsi su base volontaria anche senza prenotazione. I vaccini dedicati all’iniziativa saranno Vaxzevria di AstraZeneca e Janssen di Johnson & Johnson.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *