Raggi in piazza con l’Anpi per dire no al fascismo. Prova a scavalcare a sinistra il dem Gualtieri

sabato 29 Maggio 17:49 - di Francesco Severini
Raggi CasaPound

Raggi ancora contro CasaPound. Saluto a sorpresa della sindaca di Roma in piazza del Campidoglio alla manifestazione dell’Anpi “Per la difesa dei valori della Resistenza e dei principi costituzionali, No al fascismo!”. Un presidio per protestare contro la manifestazione di CasaPound a piazza Santi Apostoli. Raggi, al lavoro in ufficio, è andata in piazza e ha salutato il presidente provinciale Fabrizio De Sanctis.

Raggi vuole che l’Anpi si schieri al suo fianco in campagna elettorale

Un’incursione fatta apposta per “costringere” l’associazione dei partigiani a scegliere tra lei e il dem Gualtieri. Un tentativo di accreditarsi come il sindaco più antifascista che Roma possa vantare. Era stata sempre lei, del resto, a dire che la manifestazione odierna di CasaPound doveva essere vietata, scambiando il suo ruolo con quello del questore.

Oggi la manifestazione di CasaPound

“In nome dell’antifascismo – aveva commentato Mattia Feltri – tutto si può, persino attribuirsi i poteri di vietare la piazza per motivi politici a un movimento a cui, secondo legge, è consentito diffondere giornali e presentarsi alle elezioni. Ma sfilare no! Se lo scordino! Perché? Perché a Raggi non le garba. Non proprio una posizione che affonda le radici nella più fertile cultura democratica, a dimostrazione di quanto sosteneva Mino Maccari: da un certo punto in poi il fascismo si è diviso in due correnti, fascismo e antifascismo”.

In piazza 200 “partigiani”. Molti di più i militanti della Tartaruga

Non è la prima volta che la Raggi usa CasaPound per accreditare la sua immagine a sinistra: lo aveva fatto anche un anno fa annunciando la notifica di sequestro preventivo alla sede di via Napoleone III. Un meccanismo di facile interpretazione: far dimenticare la sua gestione fallimentare della città ammantandosi delle virtù antifasciste. Quelli di CasaPound comunque in piazza ci sono andati lo stesso e hanno anche vinto la gara numerica con i “partigiani” che in Campidoglio erano solo in 200. I militanti della Tartaruga erano circa tremila secondo gli organizzatori, 500 secondo altre fonti. (Nella foto le due piazze a confronto)

Marsella: l’Anpi getta fango su di noi per avere soldi pubblici

“Siamo qui – ha detto Luca Marsella, consigliere municipale a Roma di CasaPound a margine della manifestazione organizzata a Roma a Piazza Santi Apostoli – per lanciare un segnale forte a questo Governo, che ha gestito in maniera fallimentare questa emergenza sanitaria. CasaPound è in piazza per affermare che l’Italia deve tornare una potenza, in Europa e nel Mondo”.

“L’Anpi protesta contro questa manifestazione? Purtroppo per loro e per la Raggi non decidono chi può manifestare e chi no – aggiunge Marsella  – l’Anpi continua a gettarci fango addosso solo per un motivo: facendo così continuano a percepire cospicui fondi pubblici. Solo per questo”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *