Nel Lazio il ddl Zan è già legge: inviate alle scuole le istruzioni per imporre il gender in classe

lunedì 17 Maggio 20:44 - di Viola Longo
lazio gender scuole

Il Lazio si è portato avanti rispetto al ddl Zan e, mentre in Parlamento ancora si discute se adottare quel testo o superarlo, alle «scuole di ogni ordine e grado» sono già arrivate le «linee guida» per le «Strategie di intervento e promozione del benessere dei bambini e degli adolescenti con varianza di genere». Insomma, alle scuole del Lazio sono arrivate le istruzioni su come introdurre l’ideologia gender e i suoi diktat fin dalle prime classi.

Lo “spettro di genere” per superare il “binarismo sessuale”

Il documento con le «strategie», elaborate «dal Servizio per l’adeguamento tra identità fisica e identità psichica (SAIFIP) dell’Azienda Ospedaliera San Camillo», è reperibile sul sito dell’Ufficio scolastico regionale del Lazio. Nell’introduzione si legge che negli ultimi anni si è assistito al «superamento del concetto di “binarismo sessuale” che prevede l’esistenza di solo due generi (maschile e femminile), sostituito da quello di “spettro di genere” secondo il quale il genere si presenta in un’infinita varietà di forme, dimensioni e tonalità». Quindi, in sintesi, le scuole del Lazio si devono adeguare al gender.

Dai moduli ai bagni: il gender nelle scuole del Lazio

Come? Dopo una dissertazione su cosa sia la «varianza di genere», le strategie illustrano le «linee guida per la scuola», nelle quali si legge che le «buone pratiche organizzative» sono: «Formazione al personale scolastico e agli studenti» sui temi della «varianza ed espressione di genere»; «Politica e modulistica che riflettano un linguaggio di genere inclusivo», per «garantire che gli studenti con varianza di genere siano in grado d’identificarsi in modo coerente con la loro identità di genere»; «Attivazione della “Carriera Alias”», che «consiste in una modifica della carriera reale dello studente o della studentessa mediante l’assegnazione di un’identità provvisoria, transitoria e non consolidabile»; «Uso del nome e dei pronomi scelti»; «Uso dei bagni e degli spogliatoi», mettendo a disposizione «del minore con varianza di genere» un bagno/spogliatoio non connotato per genere.

Il webinar sulle «diverse sfumature dell’identità di genere»

Oltre alle «strategie», l’ufficio scolastico regionale ha inviato a «tutte le scuole di ogni ordine e grado», comprese le paritarie, anche l’avviso di un webinar che si terrà il 9 settembre su «Le diverse sfumature dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale». Al primo punto delle finalità dell’incontro c’è un approfondimento sull’«identità di genere». Fra i «responsabili scientifici e relatori» ci sono gli «operatori dell’Associazione GenderLens e Agedo».

L’allarme lanciato da ProVita & Onlus

A lanciare l’allarme su quella che appare come decisa fuga in avanti  è stata l’associazione Generazione Famiglia di Pro Vita & Famiglia Onlus. L’associazione, chiedendo al ministero e alla «politica tutta un intervento immediato e la sospensione dell’iniziativa prevista per l’inizio del prossimo anno scolastico», ha sottolineato «la gravità di non essere stati nemmeno coinvolti nel decidere provvedimenti così invasivi della libertà educativa dei genitori e del pluralismo della scuola pubblica, su temi delicatissimi per i minori e le cui evidenze scientifiche sono tutte da dimostrare».

«Punta a questo il ddl Zan?»

«Per una supposta inclusione di allievi con “varianza di genere” – ha aggiunto l’associazione – riteniamo che in questo modo si legittimi un approccio ideologico ai gender studies nella scuola pubblica». «Queste linee guida impongono in modo totalitario una visione antropologica azzerando tutte le altre. Sono queste le iniziative contro l’omofobia che il ddl Zan, se approvato, imporrebbe in tutta Italia?».

FdI: «Il Lazio ritiri queste linee guida»

L’allarme di Generazione Famiglia e ProVita è stato raccolto Chiara Colosimo di FdI e Simona Baldassarre della Lega. Entrambe le consigliere regionali hanno chiesto conto dell’iniziativa al governatore Nicola Zingaretti. «Arrivati a questo punto, dovremmo chiedere delle linee guida anche per rispettare il diritto di ogni bambino ad essere maschio o femmina», ha detto Baldassarre, parlando di «prove tecniche di ddl Zan». Mentre Colosimo ha ricordato che «in Svezia e in Inghilterra, un’iniziativa simile è già stata delegittimata e bocciata in quanto ritenuta non idonea per bambini di età scolastica». «Ci auguriamo che anche il Lazio, quindi, quanto prima ritiri queste linee guida, abbandonando questo approccio puramente ideologico e apra – ha concluso l’esponente di FdI – un dibattito medico e scientifico».

Le linee guida per la scuola diffuse dall’Usr del Lazio

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )