Covid, la denuncia di FdI: «Il vaccino italiano è sparito insieme agli 89 milioni di soldi pubblici»

giovedì 13 Maggio 17:11 - di Fortunata Cerri
vaccino italiano

Continua a fa discutere il mistero del vaccino italiano Reithera. «Il vaccino italiano, su cui lo Stato ha collaborato alla produzione e investito 89 milioni di denaro pubblico, è sparito nel nulla». Lo affermano i deputati di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, responsabile organizzazione di FdI, e Marcello Gemmato, componente della commissione Affari sociali della Camera e responsabile sanità del partito, in merito a quanto emerso da un servizio della trasmissione Fuori dal coro.

«L’istituto Spallanzani – spiegano i due esponenti di FdI – coinvolto nel progetto, si è sfilato nonostante a gennaio avesse annunciato la partenza della cosiddetta “fase 2” della sperimentazione. E anche i dati della prima fase di prova non sono mai stati pubblicati da alcuna rivista scientifica. Un mistero che il governo ha il dovere di chiarire immediatamente: per questo abbiamo presentato un’interrogazione al ministro della Salute Speranza».

Vaccino italiano, la denuncia di FdI

Donzelli e Gemmato spiegano anche qual è asset societario. «Il governo italiano – aggiungono – tramite Invitalia il cui amministratore delegato è Domenico Arcuri, è entrato con il 30% nel capitale della società Reithera, che si occupa della produzione del vaccino. Reithera è controllata al 70% da una società con sede in Svizzera. Nutriamo forti dubbi sull’opportunità per il governo di entrare in una società schermata da un paradiso fiscale. Ma vogliamo anche sapere perché il progetto si sia arrestato dopo l’annuncio e le richieste ufficiali presentate all’Agenzia italiana del farmaco per l’avvio della seconda fase di sperimentazione».

«Oltre agli 81 milioni di euro – concludono – spesi dal governo ce ne sono anche otto stanziati dalla Regione Lazio. Per i quali ha presentato un’interrogazione il nostro consigliere regionale Massimiliano Maselli. Il governo e il ministro Speranza non possono tacere».

Maselli (FdI): «Cosa sta succedendo?»

Sulla vicenda infatti è già intervenuto Maselli. «Il servizio andato in onda nella trasmissione Fuori dal Coro – spiega il consigliere regionale – ha rilevato come della fase di sperimentazione del vaccino tutto italiano annunciato in “pompa magna” mesi fa, non si sappia più nulla. Mistero completo. Come evidenziato dallo stesso direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani, struttura di riferimento della sperimentazione, la fase due non è mai partita. Nonostante l’azienda Reithera affermasse, fino a poco tempo fa, il contrario. Inoltre, della fase uno, nessuna rivista scientifica ha mai pubblicato alcun dato. Cosa sta succedendo? La sperimentazione va avanti, sì o no? Quali sono i tempi per la realizzazione del vaccino?».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *