Scuola, è caos anche per il rientro in massa, Nel Lazio un istituto su tre resta in Dad

lunedì 19 Aprile 13:04 - di Aldo Garcon
Scuola

La scuola riapre e sempre più studenti stanno tornando sui banchi. Da oggi sono sei milioni e 850mila gli alunni in presenza, cioè l’80,5% degli 8,5 milioni totali. Da lunedì 26 aprile, se non insorgeranno nuove zone rosse, in classe potrebbero tornare praticamente tutti. Un “ritorno di massa” che, sebbene fosse atteso e auspicato ormai da mesi, preoccupa non poco. Bisogna fare i conti con le aule che mancano e i mezzi pubblici affollati e gli spazi all’esterno da trovare. Si ipotizzano doppi e tripli turni.

Vaia: «Pensare a un piano Marshall per scuola e trasporti»

Le riaperture in generale sono viste da più parti anche come un rischio per quanto riguarda le possibili conseguenze negative in una situazione epidemiologica ancora grave. «Le riaperture? Ne ero e ne sono tuttora contento. Non possiamo rimanere chiusi tutta la vita. Ma non bisogna esagerare e bisogna evitare il gioco dell’oca», afferma Francesco Vaia al Corriere della Sera, precisando che «adesso è fondamentale procedere come le formichine e pensare a un piano Marshall per scuola e trasporti». Sui quali «bisognava intervenire ieri, io lo dico da maggio dello scorso anno. E invece si è perso troppo tempo: bisogna sfruttare la bella stagione per gettare le basi e predisporre le fondamenta per il prossimo autunno, integrando con i privati e investendo nella scuola. Lo si fa rapidamente e senza indugi».

Pregliasco: «Attenzione ai luoghi di maggior assembramento»

La ripresa dalla scuola completamente in presenza “preoccupa molto” Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale dii Milano, intervenuto ad Agorà su Rai3. «Non tanto i piccolini, ma gli adolescenti e la fascia giovanile», ricorda, sono «colpiti dalla variante inglese» del coronavirus Sars-CoV-2 «in modo più ampio e con forme asintomatiche, quindi difficili da individuare senza uno screening». Il rientro in classe «rappresenta sicuramente un’esigenza – ammette l’esperto – Lo si vuole, lo si desidera ed è necessario per certi versi. Lo vedo anche all’università, nei corsi che faccio in differita: l’efficacia è sicuramente inferiore almeno per una parte dell’insegnamento, per la discussione, per l’interazione». Tuttavia, mentre «un protocollo all’interno della scuola, se ben seguito, minimizza i dati e alcuni studi ce lo dicono, tutto ciò che è la mobilità intorno spaventa – evidenzia Pregliasco – perché alla fine sono quelli i luoghi di maggior affollamento» e quindi «di maggior rischio».

Nel Lazio un terzo dei licei resterà in Dad

E intanto dal Lazio, come riporta il Messaggero,  un terzo di licei e istituti tecnico-industriali ha già comunicato che sarà costretto a restare in Dad. Perché mancano gli spazi e c’è quindi impossibilità a garantire il distanziamento di almeno un metro. Problemi che non sono mai stati risolti. Mario Rusconi, presidente dell’Associazione dei presidi del Lazio spiega al Messaggero: «Pensare di tornare in presenza in queste condizioni è una follia. Un 30 per cento non ce la farà mai. Se poi non ci sarà più il metro di distanza tra i banchi, lo scenario può essere diverso, ma al momento non vedo soluzioni. Senza parlare del problema degli autobus, che potendo ospitare soltanto la metà dei passeggeri non sono sufficienti».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *