Palestre, in un anno in fumo due miliardi di euro. Oltre 200mila professionisti senza lavoro

mercoledì 7 Aprile 16:21 - di Giorgia Castelli
palestre

Nel 2020 in Italia, causa Covid e conseguenti restrizioni, la perdita economica del settore delle palestre ammonta ad oggi a due miliardi di euro con oltre 200mila professionisti senza un lavoro stabile. Il 40% delle attività dichiara di non sapere se ce la farà a resistere e quanto, e il 20%-25% dei club ritiene che non avrà più le risorse per sopravvivere alla crisi. È quanto emerge dalla survey di Ifo International Fitness Observatory, realizzata in collaborazione con la società Egeria. Coinvolti oltre 6.600 club in tutta Italia e coordinata da Paolo Menconi, presidente dell’Osservatorio.

Palestre, nel 2019 il settore era in crescita

I dati parlano chiaro: nel 2019 il settore fitness in Europa era in costante crescita con circa 65 milioni di iscritti ai club e con ricavi totali pari a circa 28 miliardi di euro. Necessari sempre secondo Ifo interventi strutturali urgenti e concreti: il settore è caratterizzato da una maggioranza di club singoli, di piccole dimensioni, in attività da tempo (oltre dieci anni) e in cui prevale il modello “one man company”.

L’industria del fitness e dello sport rappresenta per l’indotto una realtà di rilievo nell’economia nazionale. L’Italia, con l’8% del mercato europeo, dopo Germania (20%), Inghilterra (19%) e Francia (9%), era al quarto posto in Europa con oltre 5,5 milioni di persone iscritte in palestra e con un mercato annuale di oltre 2,4 miliardi di euro. Un mercato che aveva ampi spazi di crescita e che è entrato nel suo momento storico più drammatico.

Giornata Mondiale della Salute

I dati sul mercato delle imprese di fitness sono stati presentati, oggi, nella Giornata Mondiale della Salute ad Exercise is Medicine, in occasione della web conference organizzata da Fit.Comm.- l’Associazione che riunisce i principali player del settore – con Ministero dell’Economia e delle Finanze, medici, imprese e professionisti delle Scienze Motorie.

«Per quanto il fitness sia un mondo “ludico”, di svago, che eroga servizi in modo apparentemente spensierato, di fatto ha un ruolo chiave: diffonde benessere psicofisico con un’offerta molto variegata e per tutte le tasche, quindi andrebbe considerato diversamente, quasi più vicino al mondo della salute che a quello dello sport, perché fare movimento fa star meglio, è medicina preventiva, e dovrebbe godere di un’attenzione differente», afferma Paolo Menconi, presidente di Ifo.

Palestre, il 62% è composto da piccoli club indipendenti

Dai risultati dell’indagine emerge innanzitutto che il panorama delle palestre in Italia è composto per la maggioranza (62%) da piccoli club indipendenti, solo il 18% appartiene a catene e quasi il 3% in franchising. Il restante 20% è formato da piccoli studi di yoga, pilates, ecc. Quasi la metà dei centri sportivi, pari al 39%, ha una superficie sotto i 500 mq; il 27% ha una dimensione fra i 500 e i 1.000 metri quadrati, mentre sono in minoranza i club fra i 1.000 e i 2.000 metri quadrati (16%) e quelli oltre i 2.000 metri quadrati (18%). Un settore consolidato nel tempo: il 62% dichiara di aver aperto il club più di 10 anni fa, il 23% tra 5 e 10 anni fa. Tra 2 e 5 anni il 12,4 e i più giovani (tra 1 e 2 anni) solo il 3,4%.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica