“Nessun caso di trombosi con Sputnik”: da Mosca la risposta piccata su AstraZeneca e Johnson

mercoledì 14 Aprile 18:16 - di Robert Perdicchi

Contro la diffidenza, contro le malelingue, contro lo scetticismo, non sincero, dell’Europa. Un’analisi completa degli eventi avversi “durante gli studi clinici e nel corso delle vaccinazioni di massa con il vaccino Sputnik V non ha mostrato casi di trombosi del seno venoso cerebrale (Cvst)”, annuncia in una nota il Gamaleya National Center di Mosca che precisa come “i vaccini che utilizzano la piattaforma del vettore adenovirale sono diversi e non direttamente confrontabili”. Pertanto, secondo gli scienziati russi che hanno sviluppato Sputnik V, “non c’è alcun motivo e nessuna giustificazione per estrapolare i dati di sicurezza di un vaccino e confrontarli con un altro”.

Da Mosca la risposta ai dubbi su Sputnik e trombosi

Il Gamaleya entra nel merito chiarendo le differenze tra Sputnik e gli altri vaccini a tecnologia adenovirale. “Il vaccino di AstraZeneca utilizza l’adenovirus di scimpanzé per fornire l’antigene – affermano gli scienziati russi – Il vaccino Johnson&Johnson utilizza l’adenovirus umano del sierotipo ‘Ad26’ e la proteina S a lunghezza intera stabilizzata per le mutazioni. Inoltre è prodotto utilizzando la linea cellulare ‘Per.C6’ (cellule retiniche embrionali), non presente negli altri prodotti registrati”. Mentre “Sputnik V è un vaccino a due componenti in cui vengono utilizzati i sierotipi 5 e 26 di adenovirus. Non viene utilizzato – rimarcano dal Gamaleya – un frammento di attivatore del plasminogeno di tipo tissutale” “La qualità e la sicurezza del vaccino Sputnik V sono, tra le altre cose, assicurate dal fatto che, a differenza di altri vaccini, utilizza una tecnologia di purificazione a 4 stadi che prevedono l’utilizzo di strumenti per la filtrazione di profondità, la separazione con cromatografia a scambio ionico e la formulazione attraverso filtrazione a flusso tangenziale (Tff)”, ricordano gli scienziati russi.

I russi: “Siamo pronti a condividere la nostra tecnologia”

Il Gamaleya ricorda come “in uno studio pubblicato su ‘The New England Journal of Medicine’ il 9 aprile è riportato che una delle possibili cause delle rare trombosi verificatesi dopo la vaccinazione potrebbe essere collegata ad una purificazione insufficiente nello sviluppo del vaccino che porta alla comparsa di quantità significative di Dna libero che possono interferire con la risposta del sistema immunitario”.

L’istituto russo si dice pronto “a condividere la sua tecnologia di purificazione con altri produttori di vaccini per aiutarli a ridurre al minimo il rischio di effetti avversi durante la vaccinazione”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica