Mascherine ‘rubate’ alle Rsa per distribuirle a parenti e dipendenti. Arrestato il sindaco di Opera

giovedì 8 Aprile 8:41 - di Redazione

Scandalo mascherine e appalti truccati nel comune di Opera (Milano). Arrestato il sindaco, Antonino Nucera. Che, nei primi mesi della pandemia, avrebbe sottratto circa 2000 mascherine destinate alle Rsa. E alla farmacia comunale. Per distribuirle a parenti e dipendenti comunali. In manette anche imprenditori e responsabile ufficio tecnico del Comune. Il sindaco avrebbe dirottato le forniture della Protezione civile direttamente ai suoi uffici. Mascherine che erano stati inviate al Comune alle porte di Milano, per gli anziani ricoverati nella Rsa «Anni azzurri Mirasole» della frazione di Noverasco. E  per la farmacia comunale per poi essere distribuiti alla popolazione.

Sottratte 2000 mascherine destinate alle Rsa

Il 21 marzo 2020, ad esempio, le distribuisce alla ex moglie. Preoccupata per gli anziani genitori. Sette giorni dopo chiede a una dipendente comunale di metterne da parte 500.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )