Germania sconvolta dallo scandalo Metzelder: l’ex calciatore condannato per pedopornografia

venerdì 30 Aprile 12:55 - di Laura Ferrari
metzelder

Il tribunale distrettuale di Düsseldorf ha condannato l’ ex calciatore della nazionale tedesca Christoph Metzelder a dieci mesi di carcere con sospensione della pena per aver trasmesso file pornografici di bambini e giovani dopo un solo giorno di processo.

Chi è l’ex calciatore condannato

Il 40enne ex nazionale tedesco ed ex giocatore di Real Madrid, Borussia Dortmund e Schalke, è stato condannato per possesso e diffusione di immagini pedopornografiche. Durante il processo, Metzelder ha confessato di possedere e inoltrare un totale di 18 file. 297 file sono stati trovati sul suo cellulare, sequestrato nel 2019.

Metzelder aveva chiesto perdono alle vittime e si era detto pronto ad accettare la condanna. “Accetterò la sentenza e chiedo perdono alle persone interessate, porterò per tutta la vita dentro di me la responsabilità del male che ho fatto alla società”, ha dichiarato l’ex difensore.

L’ex calciatore della nazionale Christoph Metzelder, 40 anni, è stato fermato a settembre 2019. Gli investigatori si recarono alla scuola di sport Hennef vicino a Bonn, dove stava appena completando un corso di allenatore. Hanno preso il suo cellulare e hanno perquisito la sua casa a Düsseldorf e il suo ufficio. Metzelder era considerato fino a quel momento un atleta modello. Per molti anni si era battuto per i ragazzi svantaggiati.

Il processo Metzelder e i 297 file pedopornografici

Der Spiegel ha fornito i dettagli del processo: il pubblico ministero Kathrin Radtke ha letto una requisitoria durata trenta minuti. Ha citato 297 file con contenuti pornografici di bambini e giovani che gli investigatori avrebbero trovato sul suo cellulare.

Metzelder ha inviato a tre donne tali file tramite WhatsApp , per un totale di 27 immagini e due video.

Il procuratore Radtke ha descritto nel dettaglio alcune delle immagini: vedono “giovani parzialmente o completamente svestiti” di età inferiore ai 14 anni. Una foto mostra sesso esplicito di una bambina di età inferiore ai 10 anni. In un altro si può vedere “un neonato”.

Secondo la difesa, Metzelder attualmente è in cura per la sua devianza. “E ha mostrato un vero rimorso”.

Il tribunale lo ha condannato a dieci mesi di libertà vigilata perché in 26 casi aveva trasmesso a un’altra persona materiale pedopornografico e perché lui stesso possedeva materiale pedopornografico.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica