Doppia gaffe di Draghi: “Onorevoli deputati”. Ma è in Senato. Sbaglia un’altra volta. Imbarazzante (video)

martedì 27 Aprile 17:36 - di Angelica Orlandi
Draghi gaffe

Signor presidente, onorevoli deputati…”: inizia male  Mario Draghi in apertura del suo intervento sul Pnrr al Senato. A quel punto il premier sente un vociare: qualcuno dai banchi ha fatto notare un problema. Il premier inizialmente non ha capito, chiede: “Devo togliere la mascherina”? No: chi gli è intorno gli dice: “siamo al Senato”. La  scenetta è esiilarante. Dunque con suo sorrisetto ineffabile sie è ripreso: “Ah sì, siamo in Senato…”.

Draghi, doppia gaffe al Senato: “Onorevoli deputati…”

Quindi ha iniziato nuovamente il discorso. E ancora: “Signor presidente, onorevoli deputati…”. Ma allora? Di nuovo vociare, di nuovo gli ricordano che siamo a Palazzo Madama. Sembra una gag ma non lo è. “Ah è vero, siamo in Senato”: sono state le parole del Presidente del Consiglio, che con uina smorfia del volto, poi ha chiesto scusa ai senatori,  cercando di celare l’imbarazzo. E ha  ripreso il discorso. Al terzo tentativo tutto è filato liscio. Si è rivolto correttamente ai senatori, ricevendo un applauso di “incoraggiamento”.

Doppia gaffe di Draghi al Senato: il precedente

Insomma, ironia a parte, per essere il più importante discorso della legislatura, pronunciato da lui, Draghi, il migliore di tutti, a capo di un esecutivo di migliori, magari al testo poteva dare una sbirciatina. Uno come lui, abituato a volare alto in Europa, nell’alta finanza, nei consessi dove ogni parola ha una peso specifico, sconcerta un po’ due lapsus uguali uno di seguito all’altro. E’ vero, anche i fuoriclasse sbagliano i rigori. ma va ricordato che Draghi non è nuovo a “svarioni”:  nel discorso per chiedere la fiducia a Palazzo Madama,  prese una clamorosa gaffe sul Covid. Si impicciò con i numeri, che pure dovcrebbe maneggiare con sapienza. “Da quando è esplosa l’epidemia – spiegava il neo-premier, ci sono stati (i dati ufficiali sottostimano il fenomeno) 92.522 morti; 2.725.106 cittadini colpiti dal virus, in questo momento 2 milioni sono i ricoverati in terapia intensiva“. L’aula rumoreggiò, i colleghi ministri  lo “tirarono per  la giacchetta” suggerendogli di correggere lo sfondone: “Duemila…”. “Sì sì  scusate – si interruppe Draghi, imbarazzatissimo -. Due milioni…”. Errore-bis – evidentemente ama raddoppiare:  ma stavolta si riprese subito e disse correttamente: “Duemila ricoverati”. Qualche senatore rise. Come oggi. Evidentemente è il Senato che lo mette in soggezione….

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )