Vauro scatena la rissa e Giletti perde la pazienza: «È l’ultimo comunista, lo lasci lì…» (video)

lunedì 29 Marzo 10:14 - di Gabriele Alberti
Vauro Giletti Non è l'Arena

E’ scontro a Non è l’Arena tra Nicolò Nicolosi, sindaco di Corleone (Palermo) vaccinato già lo scorso 9 gennaio, tra i primi in Italia. E tra Vauro Sanesi. Il sindaco non si dimette più e lo annuncia da Massimo Giletti. Si parlava di vaccini, di furbetti, del caso Scanzi, della Toscana, della Lombardia. Il sindaco di Corleone ribatte alle accuse piovutegli: “Sono qui perché l’essere definito furbetto del vaccino mi fa un male grande, è peggio di una ferita al cuore”, spiega il primo cittadino siciliano in studio a La7. “Voglio dimostrare di essere nella ragione e nelle regole dettate dal governo nazionale e dal governo regionale”. Il sindaco aveva presentato le sue dimissioni qualche tempo fa dopo che la vicenda era finita sui giornali. Ma poi le ha ritirate.

Vauro da Giletti: “Voi sindaci fate il c… che vi pare”

Davanti a lui c’è Vauro Senesi, persona sempre col fucile spianato, aduso all’aggressione verbale: “Sono il più bischero d’Italia, ho 66 anni e nessuno mi chiama per vaccinarmi invece a voi vi chiamano anche se non volete”. Poi la sgradevolezza del tutto fuori contesto. “Anche prima del Covid, voglio dirla un po’ volgare, avete sempre fatto quel c***o che vi pare“. Protesta Nicolosi. Ma il vignettista è un fiume in piena. Dove c’è Vauro c’è rissa. Cerca di fare l’istrione come al solito. Ma poi non sa rinunciare alla provocazione.

Da Giletti, Vauro e Nicolosi se le danno di santa ragione

“Lei ha fatto il giro delle sette chiese, pur di fare il sindaco lei ha fatto di tutto“, gli rinfaccia Vauro. Ribatte Nicolosi: “lei non sa nulla di me. Lei non sa nulla, mi hanno cercato i cittadini a casa mia”. Poi la fucilata di Vauro: “Lei ha anche una certa storia giudiziaria, la magistratura forse lo sa”, accusa  il vignettista del Fatto quotidiano. Il sindaco non ci sta all’ennesima provocazione, i toni si alzano. “Lei parla con una persona con le mani pulite – alza la voce Nicolosi, che controaccusa -. Sono stati i suoi compagni, da Violante e Lumia, che hanno organizzato tante cose sporche”. I toni si accendono e lo studio è fuori controllo.

Giletti perde la pazienza e…

Giletti si spazientisce e prova a stemperare la tensione: “Non accetti le provocazioni di Vauro, è l’ultimo comunista rimasto, lo lasci lì a fare le provocazioni”. E Vauro  riprende così a piagnucolare sulla questione dalla quale si era partiti: “Io voglio essere vaccinato, non sono neanche no vax. Io voglio farmi anche AstraZeneca, e poi essere ringraziato da tutti gli italiani, ci mancherebbe altro, almeno quello…”. Ogni riferimento ad  Andrea Scanzi  è puramente casuale.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )