Vaccini, ora gli attori sgomitano. Gassman: noi lavoriamo senza mascherina. E i parlamentari intanto…

mercoledì 24 Marzo 20:19 - di Redazione
vaccini Gassman

Vaccini, ogni giorno spunta una nuova categoria che pretende di saltare la fila. Mettersi al sicuro con il siero anti Covid è l’aspirazione di tutti. Ma c’è sempre qualcuno che si sente più vulnerabile degli altri. E così, poiché è stato creato un precedente vaccinando prima alcune categorie rispetto ad altre, la gara a dichiararsi “a rischio” subisce un’impennata.

Vaccini, le categorie che sgomitano per avere corsie privilegiate

E proprio nel giorno in cui il presidente del Consiglio Draghi ha chiarito che prima bisogna vaccinare gli anziani e poi tutti gli altri. Senza più favorire gruppi cui finora alcune regioni hanno concesso corsie privilegiate.  Ovvio che nel parlare dell’argomento tutti mettano le mani avanti: non voglio il vaccino. Però ne avrei diritto, è il non detto ma sottinteso.

Selvaggia Lucarelli e i giornalisti necessari

Ha cominciato Selvaggia Lucarelli sui giornalisti. Anche lei della serie: non voglio il vaccino però… i giornalisti lo meriterebbero. Lucarelli scrisse: “Non chiedo il vaccino, però questa cosa che i giornalisti siano nella lista delle categorie non utili a detta degli stessi giornalisti mi dispiace. In questo anno di paura, siamo stati noi a raccontare alla gente cosa succedeva, a denunciare, siamo stati non utili. Necessari”. E le polemiche non si fecero attendere.

Alessandro Gassman: siamo l’unica categoria che lavora senza mascherina

Ora la provocazione la lancia Alessandro Gassman: “Premesso che attenderò diligentemente il mio turno, segnalo, visto che c’è la gara a chi è più esposto al covid, che gli attori ed attrici sui set, sono l’unica categoria che deve lavorare senza mascherina”. Poco prima, il regista Giovanni Veronesi aveva provocato a sua volta: “Perché i giornalisti prima di me? Io faccio film, scrivo storie, che è meno di un talk?”, aveva scritto il cineasta toscano. “Detto questo -conclude Gassmann nel suo post- ora però dai un po’ con le vaccinazioni!!!”.

Anche i parlamentari in pressing per vaccinarsi

Anche i parlamentari hanno fretta e si considerano più a rischio di altri. Vaccinare i parlamentari, perché non si lavora in sicurezza, è la richiesta della deputata di Forza Italia Maria Teresa Baldini. Un tema che all’inizio di marzo era deflagrato per l’iniziativa della senatrice Paola Binetti. Binetti, con altri 40 senatori, chiedeva al ministro Speranza in un’interrogazione se non ritenesse urgente vaccinare subito i membri di Palazzo Madama.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica