Ue: Fitto e Legutko a Orban: “Ecr è la vera dimora dei valori conservatori”

5 Mar 2021 18:16 - di Redazione
Orban Ecr

“Il gruppo Ecr è la vera casa dei valori conservatori e dell’eurorealismo. È stato creato come una forza in grado di riformare l’Unione europea e per migliorare il suo funzionamento; non per separare i popoli europei l’uno dall’altro, ma per costruire ponti, unendoli accettando e rispettando le loro peculiarità”. Lo affermano in una nota congiunta i co-presidenti del gruppo dei Conservatori e Riformisti (Ecr) al Parlamento europeo Ryszard Legutko e Raffaele Fitto.

Fitto e Legutko a Orban: Ecr la vera casa dei conservatori

Nell’esprimere la propria solidarietà ai deputati ungheresi che hanno perso la loro collocazione politica nel Partito Popolare Europeo questa settimana, i due co-presidenti hanno aggiunto: “I nostri valori difendono la famiglia come fondamento della società; l’integrità sovrana dello stato nazionale, l’opposizione al federalismo europeo e un rinnovato rispetto per la vera sussidiarietà. Così come la libertà dell’individuo e una maggiore responsabilità democratica – proseguono i due co-presidenti -. Vogliamo anche un’immigrazione efficacemente controllata e porre fine all’abuso delle procedure d’asilo”. “Siamo sempre stati aperti a coloro che condividono i nostri valori e che considerano il gruppo Ecr come una possibile dimora politica”.

Comune visione del mondo

Lo affermano rivolgendosi ad  Orban in modo particolare.  Secondo i co-presidenti dell’Ecr, Legutko e Fitto, il “Ppe si era già avvicinato sempre di più alla sinistra negli ultimi anni e ora ha completamente cessato di essere una forza cristiano-democratica”, conclude la nota del gruppo. Questa comunità d’intenti con Ecr lascerebbe pensare  che Orban sia pronto a raggiungere i conservatori presieduti dalla Meloni molto presto.  Fidesz ( il partito ungherese ) potrebbe chiedere di entrare a far parte del Gruppo dei conservatori e riformisti europei (Ecr). Il 25 febbraio Viktor Orban ha scritto una lettera a Giorgia Meloni, rinnovando a lei e a FdI il sostegno e la volontà di collaborazione di Fidesz – Alleanza Civica Ungherese, il partito di cui Orban è presidente.

«Onorevole Presidente – scrive Orban alla leader di FdI – vorrei cogliere l’occasione in questo periodo difficile per ribadire la nostra disponibilità a cooperare con Lei e il Suo partito. Dopo aver passato sedici anni all’opposizione, ho imparato che la vittoria non è mai definitiva e la sconfitta non è mai fatale». Per Orban «conta una cosa sola: se siamo pronti a continuare la lotta». Un percorso in cui «servono compagni di battaglia affidabili che abbiano una visione comune del mondo».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA