Tamponi e quarantena al rientro dai viaggi all’estero: il ministero della Salute mette una pezza

martedì 30 Marzo 13:10 - di Alessandra Danieli

Pasqua blindata in Italia e viaggi all’estero consentiti. Un paradosso tutto italiano che ha scatenato un putiferio sui social. E la protesta dei ristoratori e gli albergatori italiani. Costretti a restare chiusi sia al turismo interno che a quello esterno da ormai più di un anno. Mentre i ‘colleghi’ europei possono accogliere e beneficiare dell’arrivo dei turisti italiani.

Viaggi all’estero, la “pezza” di Speranza

Dal ministero della Salute provano a mettere una pezza. Forse per ‘scoraggiare’ le partenze pasquali. Ma l’assurdità resta.  È in arrivo l’ordinanza per regolamentare la materia. Che dispone le regole fondamentali per potersi spostare in sicurezza. Ci sarà l’obbligo di tampone prima della partenza, per arrivi e rientri dai Paesi dell’Unione europea. Ma, qui la novità, si introduce la quarantena di 5 giorni al rientro in Italia anche dai paesi della Ue. E un nuovo tampone al termine dei 5 giorni di quarantena. Confermata la quarantena già esistente per gli spostamenti in tutti i Paesi extra Ue.

Tampone e quarantena per chi torna dall’estero

Il ministro Speranza si trova tra l’incudine e il martello. Da una parte l’incomprensibile via libera del Viminale ai viaggi all’estero per turismo e dall’altra la rivolta di Federalberghi. Mentre l’Italia è blindata in casa, con l’impossibilità di spostarsi da regione a regione, il ministero dell’Interno ha confermato che è possibile andare all’estero per turismo. Si potrà quindi raggiungere l’aeroporto anche se si trova in una regione arancione o rossa. “Gli alberghi e tutto il sistema dell’ospitalità italiana sono fermi da mesi. A causa del divieto di spostarsi da una regione all’altra”, protestano gli albergatori. “Non comprendiamo come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia“.

Di Maio: sconsigliamo di partire, siamo in una fase difficile

Il ministro degli Esteri Di Maio al Tg2 Post risponde alle polemiche frenando l’entusiasmo dei viaggiatori. “Quello che noi abbiamo chiesto è rimanere a casa e non spostarsi. Chi va all’estero e rientra deve fare un tampone all’andata e al ritorno, rientra nelle regole della mobilità europea. Ma non stiamo assolutamente consigliando ai cittadini di andare all’estero. Anzi sconsigliamo di spostarsi perché siamo in una fase difficile

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )