Lerner e la Gruber farneticano: “Rosy Bindi commissaria della Lombardia”. L’idea folle (video)

mercoledì 24 Marzo 19:20 - di Federica Argento

“Rosy Bindi commissario straordinario della Lombardia”. Roba da matti, Gad Lerner e Lilli Gruber fanno un ribaltone impunemente in Tv ad Otto e mezzo su la 7. In un colpo solo sognano di fare fuori Fontana , la Lega e tutto il centrodestra votato dai lombardi. Sconcertante. Solo a degli intellettuali radical chic poteva venire in mente l’idea e dirla pubblicamente in tv con tale disinvoltura. Dimenticando il voto e il parere degli elettori. “La sanità pubblica e privata della Regione Lombardia è un’eccellenza, ma la Regione paga una burocrazia lottizzata da una sola parte, il centrodestra, e incrostata dal 1994”. Gad Lerner e la Gruber pertanto elucubrano  di ipotetici commissariamenti. Sognano di mettere  sul Pirellone una bandierina di sinistra e rilanciano la folle proposta: “Rosy Bindi commissario straordinario al posto del governatore leghista Attilio Fontana e di tutta la giunta di centrodestra”.

Gruber e Lerner sognano il Pirellone: “Venga Rosy Bindi”

La follia. Il sogno di cambiare la realtà da quella che è a quella che si vorrebbe che fosse è il vizio di una sinistra perdente. In più, di una sinistra frustrata. La sinistra non tocca palla in Lombardia dalla notte dei tempi. E, approfittando della valanga di fango che in questi giorni sta piovendo sulla regione guidata da Fontana, sparano le loro cartucce. Tutto da vedere lo scintillio degli occhi di Gruber e Lerner che ipotizzano scenari fantasiosi e goduriosi. La proposta di Gad Lerner per la Lombardia avrebbe le tanto agognate ripercussioni politiche sul centrodestra: “Rosy Bindi commissario straordinario, è stata un ottimo ministro della salute. La caduta di Fontana significherebbe la caduta di Salvini”. Evviva. Ecco il punto. Il sogno proibito del Pirellone…

Gruber, Lerner, Bindi: provocazione

“Una provocazione sì – dice Lerner- ma è stata un’ottima e severa ministra della Sanità ed è coetanea di Letizia Moratti. Cambiare timore, un’alternanza netta gioverebbe a questa regione”. Insomma, hanno già deciso tutto loro. Quel che non riesce alla politica trova spazio nelle loro farneticazioni. Una scena ridicola. Come dire: togliere la Lombardia al centrodestra e consegnarla alla sinistra senza alcun merito né elettorale né politico. E’ la prassi di un Pd abituato a ritrovarsi al governo da 10 anni senza aver vinto veramente nemmeno una elezione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica