Gli ex-grillini alla guerra contro Di Maio: «Era lui a spingere per il referendum contro l’euro»

giovedì 18 Marzo 18:45 - di Michele Pezza
Di Maio

Ahi che brutta la memoria corta. Soprattutto quando te la rinfacciano sub specie inconsequentiae, l’incoerenza dei latini. Il ministro Di Maio ne è tra i massimi campioni. Nell’arte di sostenere tutto e il suo contrario non solo eccelle in quantità, ma soprattutto in eleganza. È ormai leggendario il tocco di frivolezza con cui abbandona una posizione per abbracciarne un’altra. È arrivato persino a definire il M5S «liberale» e «moderato» senza scoppiare a ridere, anzi incorrendo nell’ira funesta di Marco Travaglio. Finora, però, ne ha tratto più applausi che fischi, complice anche una schiera di volenterosi giornalisti mai sazi del lecca-lecca in favore del potente di turno. Anche per lui, tuttavia, i tempi stanno per cambiare.

I transfughi di Alternativa c’è contro di Maio

Non per intervenuta resipiscenza nella categoria dei dispenser di saliva, bensì per sopraggiunta scissione nel M5S. Già, a volergliela far pagare sono i grillini del “no” a Draghi e per questo espulsi con una procedura degna di una purga staliniana. Esodati dal MoVimento, i transfughi hanno trovato ricovero sotto il logo L’Alternativa c’è. Un’uniforme e una bandiera ci vogliono per combattere una guerra. E al loro ex-capo la vogliono fare sul serio, sbugiardandolo di fronte agli italiani. Come? Nell’unico modo possibile: facendo la tara tra il Di Maio delle origini e quello odierno. E quale migliore occasione dell’intervista a El Pais. Gli ex-grillini l’hanno vivisezionata e vi hanno trovato una doppia chicca.

«Il ministro ha una doppia natura»

«La prima – scrivono in una nota – è che gli espulsi dal Movimento sarebbero ancora legati all’Italexit e la seconda che ha sempre lavorato bene con Letta». Sull’una e l’altra non c’è partita. Italexit: «Era lui (…) a sgolarsi per portare avanti un referendum contro l’euro politicamente confuso». Enrico Letta, contro il cui governo il M5S condusse una dura opposizione: «Evidentemente portava avanti battaglie nelle quali non credeva. Se ne stanno accorgendo tutti». In realtà, a giudicare dai sondaggi, della «doppia natura» di Di Maio molti italiani si sono accorti già da tempo. Gli ex-grillini solo ora e solo dopo aver ricevuto il benservito. È uno di quei rari casi in cui il “meglio mai che tardi” suona più appropriato del ben più citato “meglio tardi che mai”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *